L’aria gelida dalla Russia sta per versarsi fra Grecia e Turchia, nevicate su Attica e isole dell’Egeo

MeteoWeb

L’aria gelida si sta per versare fra Grecia e Turchia, forti nevicate da “Aegean sea effect snow” copriranno l’Attica e le isole dell’Egeo

La massa di aria gelida, artica continentale, che in questi giorni si è depositata sopra il bassopiano Sarmatico comincia gradualmente a scivolare in direzione dell’Europa orientale, attraverso l’inserimento di una debole/moderata ventilazione da NE che dalle pianure della Russia europea si estende verso l’Ucraina, la Bielorussia, l’est della Polonia, la Moldavia e la Romania. Proprio in queste ore l’avvezione di aria gelida, caratterizzata da un nucleo di circa -20°C -21°C alla quota di 850 hpa, sta iniziando a muoversi in maniera “retrograda”, dirigendosi in direzione dell’Ucraina, la Bielorussia, la Moldavia e la Romania, grazie alla temporanea erezione dell’anticiclone dinamico europeo verso la Scandinavia e l’estremo nord della Finlandia. Come da previsione il robusto anticiclone che da settimane stazionava con i propri massimi barici tra la Spagna, la Francia e il nord Italia, venendo pressato da ovest dall’avanzare di una saccatura atlantica, legata alla depressione d’Islanda, in queste ore ha subito un deciso “stretching”, con un conseguente allungamento del proprio asse principale verso l’estremo nord della Scandinavia e il mare di Barents.

Recm962Questa “meridianizzazione” dell’anticiclone europeo, con la “cresta anticiclonica” in erezione fino al mare di Barents, ha il merito di aspirare gran parte del freddo accumulato sopra la Russia europea, risucchiandolo lungo il proprio bordo orientale, tramite l’attivazione di una gelida ventilazione da NE che farà affondare la massa di aria gelida alla volta dell’Ucraina, la Bielorussia, la Moldavia, il mar Nero e la Romania, per poi raggiungere in seguito pure i Carpazi, la Bulgaria e i Balcani. Durante la discesa verso sud-ovest l’aria gelida russa costringerà l’aria più mite e umida, incontrata nel suo cammino verso l‘Europa, a sollevarsi forzatamente verso l‘alto, generando una nuvolosità avvettiva che potrà produrre qualche nevicata di debole e moderata intensità. All’ingresso dell’aria gelida le temperature, soprattutto fra Ucraina, Bielorussia, Moldavia e Romania, subiranno un autentico crollo nel giro di pochi minuti dall’ingresso della massa d’aria, portandosi su valori abbondantemente sotto gli zero gradi anche in pieno giorno.

La pulsazione dinamica dell'anticiclone europeo fin verso la Scandinavia
La pulsazione dinamica dell’anticiclone europeo fin verso la Scandinavia

La pulsazione dinamica di questo promontorio anticiclonico “interciclonico”, abbastanza stretto, verso il nord della Scandinavia e il mare di Barents, sempre più pressato da ovest dall’approfondimento di una vasta circolazione depressionaria poco a sud dell’Islanda, favorirà poco più est il prolungamento verso l’Ucraina e il bacino del mar Nero della depressione a carattere freddo in azione sulla Russia europea, mandandola in “stretching”, con l’allungamento di una saccatura colma di aria gelida artica continentale che dalla Russia europea si distenderà fino ai Carpazi, penetrando con il proprio ramo più meridionale fin verso la Grecia e il mare Egeo. L’asse di questa saccatura interamente riempita di aria gelida artica continentale, alimentata da un ramo secondario del “getto polare” che dalla Finlandia scivola fin sui Balcani, sotto la spinta del nuovo promontorio anticiclonico “interciclonico” che preme da ovest, si muoverà verso la Grecia, l’Egeo e la Turchia occidentale, “avvettando” aria molto fredda artica continentale che dall’Ucraina e dalla Moldavia si spingerà sulla Romania, Bulgaria e Macedonia, con l’arrivo di un nocciolo di aria gelida, caratterizzato da isoterme di -15°C -16°C alla quota di 850 hpa.

430853_353231218109058_1257070878_nNel corso della mattinata di giovedì 31 Dicembre parte di quest’aria molto fredda, d’estrazione continentale, dopo aver invaso la Romania e la Bulgaria, e attraversato la Macedonia, riuscirà a versarsi sul mar Egeo, dove si assisterà ad una rapida discesa della quota dello “zero termico” e delle temperature. Pur essendo in origine molto secca e stabile l’aria gelida artica continentale passando sopra le miti superficie marine del mar Nero e soprattutto dell’Egeo rischia di originare nevicate particolarmente abbondanti fra la Grecia orientale e le coste della Turchia nord-occidentale per l’attivazione del “Aegean sea effect snow” e del “Black sea effect snow”.

OLYMPUS DIGITAL CAMERADifatti il flusso molto freddo continentale scorrendo sopra l’Egeo che presenta temperature decisamente più miti, sotto l’attivazione di una intensa ventilazione da N-NE e NE che spirerà con raffiche di oltre 50-60 km/h, tenderà rapidamente a instabilizzarsi, favorendo lo sviluppo di bande nuvolose cumuliformi, di forma lineare, che potranno dare la stura a intensi rovesci di neve che si spingeranno fin sul livello del mare. Questo fenomeno, responsabile delle copiose nevicate che spesso nel periodo invernale seppelliscono di neve fresca l’est della Grecia e la Turchia settentrionale, si produce ogni qualvolta che fredde correnti, di origine polare o artica continentale, scorrono sopra la più tiepida superficie del mar Egeo e del mar Nero.

Rovesci di neve sulle colline di Atene
Rovesci di neve sulle colline di Atene

Le fredde correnti settentrionali, conservando per un lungo periodo le loro origini gelide, dopo essere transitate sopra l’Ucraina (in parte innevata) solitamente nelle avvezioni fredde di grossa portata tendono a proseguire verso latitudini più meridionali, versandosi sopra le miti acque superficiali del mar Nero e dell’Egeo. I freddi e sostenuti venti da NO, in uscita dal bassopiano ucraino, si propagheranno verso il bacino del mar Nero. Quest’aria piuttosto fredda, continentalizzata nei bassi strati, a contatto con le miti acque superficiali del mar Nero e del mar Egeo si scalderà sensibilmente nei bassi strati, umidificandosi alle basse quote.

Atene innevataIl riscaldamento della massa d’aria, indotto dal transito della stessa sopra le più tiepide acque superficiali del mar Nero, inasprirà sensibilmente i contrasti termici che si verranno a determinare sopra la più tiepida superficie marina (“gradiente termico verticale”), producendo l’innesco di una spiccata attività convettiva (moti ascendenti lungo la colonna d’aria). Questi moti convettivi agevoleranno la formazione di una lunga striscia di bande nuvolose cumuliformi (cumuli, cumulonembi con base molto bassa e carichi di fiocchi di neve) in grado di apportare precipitazioni sparse, spesso a sfogo di rovescio, con frequenti gragnolate e neve molto umida che arrivava a depositarsi fino alle coste.

Il fenomeno dell'da “Aegean sea effect snow” responsabile delle storiche nevicate che seppellirono la Grecia orientale nel Febbraio 2008
Il fenomeno dell’da “Aegean sea effect snow” responsabile delle storiche nevicate che seppellirono la Grecia orientale nel Febbraio 2008

L’instabilità convettiva e della nuvolosità cumuliforme, che si disporrà in lunghi ed estesi serpentoni distesi lungo la direzione del vento prevalente, viene spiegata dal fatto che a contatto con la più mite superficie marina la massa d’aria gelida in discesa dalle pianure ucraine si riscalderà e si caricherà di umidità fin dagli strati più bassi, “sublimando” (passando direttamente dallo stato aeriforme a quello solido) in presenza di temperature dell’aria < +0°C, mentre in quota continua a mantenere le sue origini gelide, con valori abbondantemente sotto la soglia dei -35°C. Tale dinamica tenderà a esacerbare il “gradiente termico verticale” all’interno della massa d’aria, instabilizzandola dall’interno e alimentando la formazione di bande di nubi cumuliformi, allineate una dietro l’altra, che dall’Egeo settentrionale si muoveranno alla volta della Tessaglia orientale, dell’Attica e delle isole Cicladi, sotto la spinta dei sostenuti venti settentrionali. Questi lunghi serpentoni nuvolosi una volta raggiunte le coste della Tessaglia orientale e dell’Attica daranno origine a intensi rovesci di neve, a tratti accompagnati dalla caduta di chicchi di grandine e dalla gragnola.

aV1D1HRi-79b8de34417e6daca3713ef3368946c3Il passaggio di isoterme, fino alla -8°C -9°C a 850 hpa (circa 1300 metri) sulla Tessaglia e la -12°C sulla Macedonia, ci stanno ad indicare che le precipitazioni assumeranno prevalente carattere nevoso sul mar di Marmara e su tutto l’Egeo settentrionale, incluse le tante isole, come Lemno e le Sporadi, che potrebbero imbiancarsi fino in prossimità del livello del mare. Sui rilievi dell’Attica, particolarmente esposti alle incursioni fredde continentali da N-NE, le nevicate da “Aegean sea effect snow” potrebbero risultare particolarmente abbondanti, con accumuli di oltre i 20-30 cm di neve fresca fin dalla bassa collina nella serata di giovedì. Ma nevicate sparse imbiancheranno gran parte dell’Attica e la Macedonia greca.

atene neveBrevi rovesci di neve e pioggia mista a neve, nel corso del pomeriggio e della serata del 31 Dicembre si potranno spingere fino alla città di Atene, dove le temperature viaggeranno su valori di poco superiori ai +0°C. Molti sobborghi collinari di Atene, soprattutto quelli ubicati nella parte nord-orientale della capitale greca, rischiano di vedere accumuli, anche fra i 5 cm e i 10 cm, mentre il resto della città rischia di essere temporaneamente imbiancata dai rovesci prodotti dalle bande nuvolose del “Aegean sea effect snow”. Per i greci, così come per buona parte dei turchi, si prospetta un fine anno da brividi.