Previsioni Meteo: temperature sopra la norma con deficit di pioggia e neve

MeteoWeb

L’anticiclone sarà persistente almeno per la prima decade di dicembre, secondo il Centro Epson Meteo

E’ un inizio di dicembre caratterizzato da condizioni meteorologiche decisamente anomale. Da una parte infatti si deve fare i conti con temperature oltre la norma, che stanno regalando forti e preoccupanti anomalie termiche positive in particolare nelle aree montuose, dall’altra parte la mancanza delle piogge, con le perturbazioni che si terranno lontane dalla Penisola almeno per altri 6-7 giorni, aggravando il periodo siccitoso che stanno attraversando diverse zone del Paese, in particolare al Nord. Con buona probabilità non ci saranno grandi cambiamenti nella circolazione atmosferica per tutta la prima decade del mese, a causa del predominio di un’area di alta pressione il cui orientamento dalle latitudini tropicali continuerà a favorire afflussi di aria mite, ostacolando nel contempo il tragitto delle perturbazioni atlantiche costrette a dirigersi al contrario verso l’Europa settentrionale. In queste condizioni di stabilità ‘cronica’ si dovrà fare i conti con nebbie e strati nuvolosi bassi sempre più diffusi nelle pianure, nei fondovalle e lungo lunghi tratti costieri. Lo affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo.

ALLERGIA AL SOLE 3Mercoledì mattinata con nebbie diffuse, localmente anche fitte e insistenti, su Pianura padana, coste dell’alto Adriatico, valli interne del Centro e zone pianeggianti di Puglia e Sardegna. In tutte le altre regioni durante tutto il giorno prevarrà il cielo sereno, a parte ancora possibili annuvolamenti a ridosso delle coste liguri e tirreniche. Temperature massime in calo al Nordovest dove cesserà l’effetto dei venti di Föhn; valori comunque ancora sopra la media in tutto il Paese, più bassi laddove la nebbia sarà persistente, mentre in montagna anomalie anche di 10 gradi oltre la norma. Giovedì l’ulteriore rinforzo del campo di alta pressione sul Mediterraneo favorirà un’altra giornata stabile con nebbie diffuse e strati di nubi basse in Valpadana, regioni adriatiche, valli interne del Centro e pianure sarde. Insisterà ancora una copertura nuvolosa estesa e compatta fra Liguria e settori tirrenici, mentre in quota transiteranno modeste velature, che potrebbero rendere il cielo temporaneamente nuvoloso. Le zone dove il tempo rimarrà prevalentemente soleggiato saranno quelle montuose e gran parte del Sud. Temperature senza notevoli variazioni, con massime su livelli decisamente miti soprattutto nelle aree soleggiate. L’anticiclone sarà persistente almeno per la prima decade di dicembre e garantirà un lungo periodo di tempo stabile caratterizzato soprattutto dall’assenza di perturbazioni e quindi senza precipitazioni di rilievo. Le temperature saranno nel complesso superiori alla norma, anche se questa anomalia tenderà ad appiattirsi con il passare dei giorni; con l’aumento della nuvolosità di tipo basso ci sarà anche un aumento delle temperature minime. Venerdì nebbie in Pianura padana e attorno all’alto Adriatico in parziale diradamento nelle ore centrali del giorno, sole su Alpi e Prealpi, mentre una nuvolosità variabile caratterizzerà il resto del Paese; la nuvolosità sarà più insistente lungo le coste tirreniche e al Sud; venti deboli e temperature senza grandi variazioni. Per il fine settimana e probabilmente anche per tutto il periodo del ponte dell’Immacolata si confermano condizioni di tempo stabile e relativamente mite; il cielo risulterà frequentemente nuvoloso o molto nuvoloso per la presenza di strati nuvolosi bassi, che tuttavia non saranno associati a precipitazioni significative.