Spazio: missione compiuta, la sonda giapponese Akatsuki ci mostra Venere [FOTO]

MeteoWeb

Akatsuki, che per 5 anni ha orbitato attorno al Sole in attesa del momento giusto, si è inserita nell’orbita prevista attorno a Venere

L’agenzia spaziale giapponese, ha reso noto che la sua sonda “Akatsuki” si è inserita nell’orbita di Venere. E’ riuscita a sfruttare una seconda chance: ha effettuato una manovra di inserimento orbitale due giorni fa, dopo 5 anni dal primo tentativo, fallito a causa di un problema ai motori. L’operazione è stata eseguita alla perfezione dal sistema di propulsione secondario: la conferma arriva da dati e calcoli dell’agenzia JAXA.

Credit: JAXA
Credit: JAXA

Akatsuki, che per 5 anni ha orbitato attorno al Sole in attesa del momento giusto, si è inserita in un’orbita (più ellittica di quanto previsto 5 anni fa) che varia da 400 a 440.000 km di distanza dalla superficie di Venere, “il periodo orbitale è di 13 giorni e 14 ore” e la direzione “è la stessa della rotazione di Venere,” comunica JAXA.
Sono già attivi gli strumenti UVI, LIR e IR1 ed ora sono stati attivati IR2, LAC e USO.

Nel corso dei prossimi mesi, la sonda eseguirà una serie di manovre per ridurre il suo periodo orbitale a nove giorni. La missione entrerà nel vivo dal punto di vista scientifico ad aprile.

Akatsuki è la seconda missione interplanetaria nella storia del Giappone. La prima (sonda Nozomi) non è riuscita a raggiungere Marte nel 2003.