Star Wars: 15 cose che forse non sai sulla tua saga preferita

MeteoWeb

Domani esce nelle sale l’attesissimo nuovo episodio di Star Wars, ecco allora 15 cose che forse non sai sulla saga

Domani esce nelle sale il nuovo episodio di Star Wars e si preannuncia già record di incassi. La saga cinematografica da anni appassiona grandi e piccoli, che  aspettano con ansia l’uscita del nuovo film. Guerre stellari è ormai un cult, tanto che il 4 maggio è stato inaugurato il Star Wars Day, dove i fan di tutto il mondo celebrano la saga. Quante cose però sapete di questa saga e di quante in realtà non eravate a conoscenza? Innanzitutto, il Gran Maestro del Consiglio dei Jedi ha anche un primo nome. Infatti, Yoda doveva chiamarsi Minch Yoda, ma George Lucas, autore della saga, decise di lasciare solo il cognome per avvolgere il personaggio in un’aurea di mistero. Altre curiosità interessano il Gran Maestro. Infatti, questo in principio doveva anche assomigliare ad una scimmia. Successivamente l’idea fu abbandonata e per i lineamenti del personaggio ci si ispirò a quelli di Albert Einstein. Altri personaggi come Han Solo, Luke e la Forza erano stati immaginati in modo totalmente diverso da come li conosciamo. Han Solo infatti doveva essere un alieno, Luke una ragazza e la Forza un grande cristallo. Molti dialoghi e battute poi hanno lasciato un segno indelebile nella memoria e nel cuore degli appassionati. Tra i dialoghi più famosi ed indimenticabili, soprattutto per i più romantici, c’è lo scambio di battute tra Han Solo e la principessa Leia, durante il quale la principessa dichiara il suo amore. Pare appunto, che questo dialogo sia frutto dell’improvvisazione di Harrison Ford. Infatti, sia il regista che l’attore trovavano banale la risposta: ti amo anch’io al ti amo di Leia. Per questo motivo,  il regista decise di cogliere alla sprovvista l’attore dando il via alla scena e costringendolo a improvvisare. Così nel momento in cui, la principessa Leia disse: “ti amo”, Han Solo rispose “lo so” e rese questa una delle scene indimenticabili della saga. E pensare, che Harrison Ford fu pagato solo 10.000 dollari per interpretare il film!

databank_ewok_01_169_747db03aUn’altra battuta molto conosciuta è la frase “ho un brutto presentimento” . Questa battuta è diventata un marchio di fabbrica ed è ripetuta in tutti gli episodi della saga. Altri personaggi simbolo dei film sono gli ewoks. Questi, in realtà, parlano un mix di tibetano e nepalese. In origine, gli abitanti della luna boscosa di Enor avrebbero dovuto parlare un dialetto zulu contraffatto. Il designer del suono Ben Burtt decise invece di ispirarsi ad un documentario della BBC sul nepalese e le lingue calmucche, dando origine al linguaggio degli ewoks. Tra gli altri meriti riconosciuti a Ben Burtt, troviamo: la voce di Dart Fener ottenuta dall’utilizzo di un microfono nel regolatore di una bombola da sub; la voce di Chewbecca fu ottenuta incrociando i versi di leoni, trichechi, orsi e tassi.  Per le spade laser, invece, fece un mix tra il suono prodotto da un vecchio proiettore da 35 mm e quello di un microfono malfunzionante. Chi avrebbe mai immaginato che tra le guest-stars del film fosse possibile trovare anche l’alieno E.T. Pare infatti che, il regista abbia voluto inserirlo come omaggio all’amico Steven Spielberg, che nel suo celebre film aveva inserito alcune action figures di Star Wars. Nell’episodio il “Ritorno dello Jedi”, invece, c’è un particolare che forse solo i più attenti hanno potuto notare. Infatti, pare proprio che, non compaia nessuna spada laser di colore blu.

Jabba_the_HuttSul termine Jedi c’è molto da dire. Pare infatti che deriverebbe dal giapponese. Lucas si ispirò alla parola “Jidaigeki” che indica i cosiddetti “period drama”, diretti dal regista giapponese Akira Kurosawa, punto di riferimento di George Lucas. Nell’episodio “L’attacco dei cloni”, l’archivio dei Jedi è ispirato alla biblioteca del Trinity College di Dublino. Invece, il monte Hoth è sito in Norvegia e non su un pianeta anonimo del Sistema Solare. Alcune scene dell’episodio “L’Impero colpisce ancora“, sono state girate vicino al ghiacciaio, durante una delle peggiori tempeste di neve, che costrinse spesso la troupe a non uscire dall’albergo. Nell’episodio “La vendetta dei Sith“,invece, le immagini dell’eruzione vulcanica di Mustafar sono state girate sull’Etna. Diversi personaggi, prima delle moderne tecnologie impiegavano tanto sforzo e pazienza. Infatti, per far muovere Jabba The Hutt inizialmente servivano sette burattinai. Tre che si occupavano delle braccia, della lingua e della bocca, della mascella e  uno della coda. All’esterno tre si occupavano degli occhi, del torace e del fumo di narghillè. Facile no? Ovviamente, queste sono solo alcune delle curiosità che riguardano la saga, riportarle tutte sarebbe un’impresa titanica, vista l’importanza della saga, l’impegno investito e la partecipazione di tanti personaggi che hanno reso Star Wars una delle saghe più incredibili della storia del cinema.