Bomba H: armi termonucleari mille volte più potenti della bomba di Hiroshima

MeteoWeb

Le bomba ad idrogeno sono molto più potenti delle bombe atomiche, più semplici e facili da trasportare

Le bombe ad idrogeno sono da 100 a mille volte più potenti delle bombe atomiche e molto più facili da trasportare. Le bombe a fusione termonucleare sono tra gli arsenali delle più importanti potenze mondiali. Forse oggi potrebbe far parte di queste anche la Corea del Nord, ma i dubbi sono ancora tanti. “La bomba termonucleare – spiega all’ANSA Vanni Antoni, direttore dell’Istituto Gas Ionizzati del Cnre’ un’arma che usa l’energia dirompente che scaturisce da una ‘fissione’ nucleare, usata nelle ‘normali’ bombe atomiche, che innesca una ‘fusione’ nucleare che a sua volta rilascia una enorme quantita’ di energia in modo esplosivo“. Nella bomba H, l’innesco utilizzato è una bomba atomica con uranio 235 o plutonio 239. Questo causa una fusione termonucleare di isotopi dell’idrogeno, come il trizio ed il deuterio. A loro volta, le energie prodotte dalla fissione e dalla fusione sommandosi creano una esplosione nucleare misurata in megatoni, ossia milioni di tonnellate di tritolo. Il processo dura pochi nanosecondi. L’esplosione causa un’onda di calore che potrebbe arrivare a milioni di gradi centigradi, a cui segue un’onda d’urto che può raggiungere diversi chilometri oltre ad elevate emissioni di radiazioni. L’idea di una bomba H è da attribuire agli scienziati americani Edward Teller e Stanislaw Ulam, che hanno fabbricato i primi ordigni nel 1951. La bomba H non è ancora stata utilizzata in nessuna guerra. Il primo test fu fatto negli Stati Uniti, l’1 novembre 1952. L’Unione Sovietica arrivò l’anno successivo, la Gran Bretagna nel 1957, la Cina nel 1967 e la Francia, per ultima, nel 1968. La potenza della bomba è stata provata dall’Unione Sovietica, che testò la bomba da 50 megatoni, la quale liberò un’energia pari a 3.125 volte quella lanciata su Hiroshima nel 1945. Oltre alle potenze citate antecedentemente, anche Israele potrebbe possedere l’arma, ma nulla è certo. Grandi assenti India e Pakistan, che ammettono di non avere ancora a disposizione gli strumenti necessari per la produzione di tale arma.