India: la Corte Suprema vieta la tradizionale corrida di Tamil Nadu

MeteoWeb

La Peta diverso tempo fa aveva fatto ricorso alla Corte Suprema Indiana, relativamente al “Jallikattu”, la “corrida indiana”, che si tiene nel mese di gennaio nello Stato Meridionale del Tamil Nadu e ripristinata anche New Delhi. La sentenza abolisce così l’usanza, precisando che qualsiasi tipo di tradizione contrasti la legge è vietata, in quanto questa ha la precedenza.

jallikattuJallikattu vs Peta India. La Peta ha a lungo dibattuto sulle violenze perpetrate nei confronti dei tori. A questi, infatti, viene somministrato alcol o iniettato peperoncino negli occhi, così da destabilizzarli e renderli più aggressivi. Tra le altre crudeltà vi è l’accoltellamento, l’utilizzo di bastoni con chiodi e altre violenze. A differenza della corrida spagnola questi poveri animali non vengono uccisi, ma feriti solo per accaparrarsi il pacchetto di soldi posto tradizionalmente sulla loro testa. Non solo questa tradizione causa ferite e morte anche tra gli esseri umani. Tra i firmatari del ricorso è possibile trovare anche altre associazioni animaliste, come: l’Animal Welfare Board, che in un comunicato ha dichiarato di essere ‘estremamente soddisfatta per la decisione e che e’ una grande vittoria per gli animali“. “Si spera – ha concluso – che il governo del Tamil Nadu rispettera’ il divieto e non permettera’ la corsa“.