Intestino: batteri “buoni” a rischio estinzione a causa dell’alimentazione

MeteoWeb

Alcune specie di batteri ‘buoni’ che colonizzano l’intestino sono in via di estinzione, e la colpa è della dieta sbagliata seguita nel mondo occidentale moderno. A sostenerlo è uno studio delle università di Stanford, Harvard e Princeton pubblicata dalla rivista Nature, secondo cui, anche cercando di correggere l’alimentazione, sarebbe ormai impossibile ripristinare le specie perdute. Il microbioma intestinale, spiegano gli autori, contribuisce a regolare diverse funzioni dell’organismo, compreso il sistema immunitario. A causare l’impoverimento è soprattutto l’abbandono di diete ricche di fibre in favore di carboidrati semplici e grassi. I ricercatori hanno simulato il processo nei topi da laboratorio, sottoponendoli a una dieta povera di fibre. Il risultato e’ stato che non solo nelle cavie il microbioma risultava impoverito, con il 60% delle specie presenti che ha visto un dimezzamento della popolazione, ma anche nella prole non erano presenti tutte le specie. Il fenomeno, scrivono gli esperti, risulta irreversibile, e anche il ritorno a una dieta ‘favorevole’ non fa tornare la composizione originaria. “Questo e’ un ecosistema complesso, ed e’ difficile predire quale sara’ l’effetto di una perdita di biodiversita’ cosi’ grande – afferma Erica Sonnenburg, l’autore principale -, ma e’ probabile che queste estinzioni avranno dei grandi effetti“.