Maltempo, arriva la neve al Nord: “è una manna contro smog e siccità per piante e persone”

MeteoWeb

La caduta della neve “è una manna contro la siccità perché rigenera la riserva idrica necessaria per la crescita delle piante, ma anche per la vita delle persone”. Così Coldiretti, che commenta l’arrivo dell’ondata di maltempo che ha portato alla caduta dei primi fiocchi in montagna. “La neve era molto attesa in montagna non solo per sciistica ma anche perché – sottolinea l’associazione – la siccità è così grave che nell’ultimo mese si è addirittura innalzato, fuori stagione, il rischio di incendi nelle zone boschive delle Dolomiti, dove le zone maggiormente a rischio sono i versanti esposti al sole con erba e arbusti rinsecchiti causa il perdurare dell’assenza di precipitazioni”. Inoltre, fa notare Coldiretti, “i grandi laghi italiani, dal Maggiore al Garda fino a quello di Como, sono svuotati per i tre quarti con un livello idrometrico vicino al minimo storico del periodo, mentre il fiume Po a Pontelagoscuro è al di sotto di oltre 3 metri rispetto allo scorso anno. “L’arrivo della neve – precisa la Coldiretti – è importante anche per alcune coltivazioni come il grano secondo l’antico proverbio ‘sotto la neve il pane’. A preoccupare è l’eventuale brusco abbassamento delle temperature dopo che nel mese di novembre e dicembre le massime sono risultate superiori di oltre 2 gradi alla media facendo rigonfiare le gemme delle piante come in prefiorita – sostiene l’associazione – rendendole quindi estremamente vulnerabili al freddo”. “Nei campi in bassa quota al nord, dopo il caldo anomalo che ha sconvolto i cicli della natura con le mimose già fiorite in anticipo di due mesi e mezzo rispetto alla festa della donne, ci sono anche primule, viole e cresce l’erba come in Primavera. Per non creare problemi – conclude la Coldiretti – la colonnina di mercurio deve scendere lentamente senza restare a lungo sotto lo zero mentre le precipitazioni non devono essere violente per poter essere meglio assorbite dal terreno”.