Virus Zika, Ecuador: “Evitate gravidanze, ci sono pericoli per il feto”

MeteoWeb

L’allarme è alto, dunque il ministero della Sanità dell’Ecuador ha chiesto ieri alle donne di “rimandare” eventuali gravidanze previste, a causa del rischio di contaminazione del virus zika. I casi di malformazione dei neonati, infatti, sono aumentati in maniera esponenziale. “Margarita Guevara, ministro della Sanità, raccomanda alle donne in età fertile che vivono nelle zone a rischio zika, di rimandare i loro programmi di restare incinte“, secondo un comunicato del ministero.

Nel solo Ecuador sono stati registrati 12 casi di zika, cinque dei quali contagiati all’estero. Le autorità al momento non hanno registrato alcuna donna incinta nel paese che sia stata contagiata da questo terribile virus, che viene trasmesso dalla zanzara Aedes Argypti, che causa anche febbre dengue e chikungunya.

In precedenza già altri paesi sudamericani, Colombia e Salvador, avevano chiesto alle donne di non restare incinte. In Brasile, invece, che è il paese più colpito, si è registrato un picco delle nascite di bambini affetti da microcefalia. Il collegamento tra la grave malformazione e Zika appare evidente, benché non vi siano ancora prove certe di un nesso concreto tra il virus e questa patologia.