Allerta Meteo, forte maltempo in arrivo: piogge torrenziali tra domenica e lunedì, rischio alluvioni lampo

MeteoWeb

Da un eccesso all’altro. Dopo cento giorni senza pioggia, adesso arrivano 200mm di pioggia in un solo giorno al Nord Italia che rischia le alluvioni dopo la siccità. La perturbazione atlantica che nel weekend raggiungerà il nostro Paese è molto intensa: riuscirà a scacciare via l’anticiclone a cui possiamo dire definitivamente addio, e sarà soltanto la prima di una lunga serie. Inizia un periodo di forte maltempo sull’Italia, anche se non farà freddo e la neve cadrà soltanto in montagna, ad alta quota. Il nuovo peggioramento inizierà domani, sabato 6 febbraio, nelle Regioni del nord/ovest con le prime deboli piogge, ma il “clou” sarà tra domenica 7 e lunedì 8 quando la perturbazione attraverserà tutta l’Italia da nord/ovest verso sud/est.

domenica mattinaDomenica mattina il maltempo inizierà a fare sul serio nelle Regioni settentrionali, mentre in tutto il Paese soffieranno forti venti meridionali pre-frotnali e al Sud il clima sarà decisamente mite. Piogge intense e diffuse invece in tutto il Nord, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia passando per Piemonte, Lombardia, Trentino, Veneto. Già da domenica mattina le precipitazioni più intense coinvolgeranno anche l’alta Toscana e, seppur deboli, il resto della Toscana, l’Umbria e il Lazio. Forti temporali in Liguria e piogge torrenziali in Piemonte, Lombardia e Friuli Venezia Giulia.

domenica seraLa fase più “cattiva” del maltempo sarà nel pomeriggio/sera di domenica. Da nord/ovest il fronte freddo avanzerà fino a raggiungere la Sardegna, colpita da forti temporali, ma le situazioni più pericolose saranno al Nord con piogge alluvionali tra Liguria, Piemonte, alta Toscana, zone alpine e prealpine di Lombardia, Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Attesi oltre 200mm di pioggia in poche ore. Potranno verificarsi vere e proprie alluvioni lampo con frane, smottamenti e inondazioni. Dopo la grande siccità, arriverà di colpo una “valanga” d’acqua su terreni secchi che faranno molta fatica ad assorbire l’impeto di queste precipitazioni.

lunedì mattinaNella notte tra domenica e lunedì, e lunedì mattina il maltempo si concentrerà al Nord/Est, in Friuli Venezia Giulia, e si porterà al Sud Italia con temporali in Calabria e poi nel corso della giornata anche sul Salento, e piogge anche intense tra Campania, Basilicata e Sicilia. I fenomeni, però, saranno meno rilevanti rispetto al Nord: potranno verificarsi anche nelle Regioni del Sud forti temporali con grandinate, ma senza le piogge torrenziali del Nord dove le correnti meridionali addenseranno nubi e precipitazioni esagerate, alimentate dall’effetto “stau”. Al Sud, quindi, pur con qualche fenomeno estremo, non si rischia alcun tipo di evento alluvionale.

domenica sera tempLe temperature saranno elevate, superiori alle medie del periodo: la neve cadrà abbondante, ma soltanto ad alta quota: anche sulle Alpi è molto probabile che rimanga oltre i 1.000 metri di altitudine e anche oltre al nord/est, mentre sugli Appennini nevicherà soltanto sopra i 1.500 metri. In Sardegna invece farà più freddo e nella seconda fase del peggioramento, tra domenica sera e lunedì mattina, potrà nevicare un po’ più in basso, comunque non sotto gli 800900 metri. Un peggioramento di tipico stampo autunnale. L’altezza della quota neve non potrà che rendere ancor più pericoloso questo peggioramento, perché pioverà copiosamente anche su colline e montagne e la mole d’acqua che si riverserà ai bassi strati sarà ancor più significativa.

Nevone-Foppolo2Attenzione, però, alle Alpi: in alta quota nevicherà moltissimo, in alcune zone oltre i mille metri tra Lombardia, Trentino e Veneto potrà cadere in meno di 24 ore oltre un metro e mezzo di neve fresca. Sarà la più grande nevicata di questa stagione, per la gioia delle località sciistiche che finalmente potranno fare il pienone. Su tutto il versante italiano sarà un grande evento nevoso.