24 Marzo 1970: il Terremoto di Canning Basin, nell’Australia Nordoccidentale

Il 24 Marzo di 47 anni fa un evento particolarmente intenso, magnitudo 6.7 della scala Richter, si abbatté sulla regione australiana nordoccidentale di Canning Basin, provocando sconcerto e stupore all’interno della comunità dei geologi australiani. Effettivamente, se si osserva la mappatura dei terremoti del passato, in Australia non vi è traccia di violenti sismi nella regione colpita dall’evento del 1970. La scossa, che ebbe una potenza pari a quella rilasciata dal tremendo terremoto irpino del 1930 (Mw 6.7) che causò circa 1.500 vittime, attivò uno sciame sismico molto lungo che perdurò per circa 2 anni e fu distintamente avvertito in ogni abitazione almeno fino a 500 chilometri di distanza dal luogo esatto dell’epicentro.

Canning_Basin_faultsDalle prime ricerche sembrò veramente strano il fatto che un evento sismico così intenso potesse verificarsi in una zona considerata a bassissimo rischio sismico. Tuttavia è anche vero il fatto che le rilevazioni più consistenti in Australia non sono cominciate prima del 1958. Si sa di per certo che la prima zona sismica ad essere stata individuata fu, invece, quella di sudest, in particolare dopo i terremoti di Meckering, 1968 e quello di Calingiri, 1970. Ad oggi sembra che il terremoto di Canning Basin possa essere il frutto di un meccanismo compressivo, anche se non si può ritenere di aver appurato con certezza quale sia l’inquadramento tettonico presente nella zona.