Chiunque può andare a caccia di onde gravitazionali con il proprio pc: ecco come

MeteoWeb

Cercare le onde gravitazionali comodamente seduti sul divano di casa, e da un semplice pc. A lanciare questa sfida è Einstein@home, un progetto nato 10 anni fa, e ora aggiornato, che distribuisce sui Pc privati i dati da analizzare raccolti da Ligo, ovvero il  mega strumento che un mese fa ha individuato per la prima volta le onde gravitazionali. Einstein@home funziona come uno screen-saver gratuito e analizza pacchetti di dati solo quando il Pc non è in uso. Analizzare i dati in arrivo da grandi strumenti scientifici come Ligo e l’italiano Virgo, situato a Cascina vicino Pisa, richiede computer potentissimi che devono gestire un enorme mole di numeri. Einstein@home offre ora la possibilità a tutti i Pc collegati in rete di poter partecipare alla caccia alle onde gravitazionali, dando concretamente un aiuto ai ricercatori. Istallando il software i computer privati possono scaricare pacchetti di dati raccolti da Ligo e analizzarli quando il Pc non viene usato. Si tratta di qualcosa di simile al progetto Seti@home, che ha permesso di creare un’enorme rete di computer domestici impegnati alla ricerca di messaggi alieni in arrivo dallo spazio. I dati che verranno elaborati dai computer domestici riguarderanno la ricerca di onde gravitazionali prodotte dalle stelle di neutroni, corpi celesti compatti, residuo delle supernovae. Per diventare dei cacciatori di onde gravitazionali basta collegarsi al sito www.einsteinathome.org registrarsi e scaricare il software.