Ecco 5 eventi, privati o pubblici, che hanno cambiato la nostra vita o quella del mondo

MeteoWeb

Franco Bolelli, filosofo e scrittore, ha stilato per Wired un elenco di 5 eventi, riconducibile alla vita privata, ma anche soprattutto alla “vita pubblica” di ognuno di noi, che hanno cambiato decisamente il modo di vedere il mondo e anche la sua percezione. Innanzitutto si parla di tecnologia, e come dice Bolelli “si respirava ancora un clima da avanguardia, troppo razionale, troppo cerebrale, troppo “noi sì che siamo tanto intelligenti”, ma ad un certo arrivò Steve Jobs, che presentando il primo iMac, rivoluzionò tutto e fece divenire “seducente e sexy” la tecnologia, dandole quasi un’anima e rendendola presenza costante della vita di tutti, dai più giovani e più “maturi”.

IBRAAA--330x185Al secondo posto di questa breve, ma significativa lista, come non inserire il calcio, ma non un calcio qualsiasi, bensì quello che regala emozioni vere e grandi lezioni di vita. E Bolelli, riferendosi al grande campione Zlatan Ibrahimovic, racconta: “sei spalle alla porta, molto fuori dal vertice esterno dell’area, il pallone ti rimbalza davanti, e allora cosa fai? Tu senza neanche guardare azzardi una rovesciata al volo e già che ci sei fai gol. Forse il gol più impensabile e imprevedibile della storia del calcio”. Un gol che per altri non solo non sarebbe stato possibile, ma nemmeno pensabile. E come se con quel gol improbabile e quasi impossibile, il calciatore ci abbia aperto gli occhi sul fatto che davvero tutto è fattibile quando c’è la volontà, al di là di qualsiasi logica e del buonsenso.

Poi Bolelli fa riferimento a un episodio personale, ma che in realtà può essere avvenuto nella vita di tutti noi. Sono i tempi del liceo e l’incontro con Friedrich Nietzsche, e in particolare con una sua frase: “posso credere soltanto a quei pensieri che sono una festa anche per i muscoli”, apre gli occhi su uno dei concetti più enigmatici della vita di ciascuno di noi, ovvero chi siamo e chi vogliamo diventare. Ovviamente per ognuno di noi si è trattato di un episodio diverso, una frase diversa, un autore diverso, o magari non di uno scrittore, bensì di un cantante, ma il concetto resta sempre quello: il momento in cui realizziamo qual è il nostro obbiettivo e diventiamo consapevoli del nostro essere.

lostPoi meno filosoficamente, ma molto concretamente, lo scrittore pensa alle serie tv. Perché, effettivamente, diciamocelo, al giorno d’oggi sono diventate quasi virali, cambiando completamente la concezione del “guardare la televisione” da parte di tutti. Prima c’erano le telenovele, che erano comunque a puntate, ma per i serial è diverso. Dal poliziesco alla commedia, si tratta di opere complesse e curate nei più minimi dettagli, si tratta di un vero e proprio “svisceramento” di ogni singolo aspetto della personalità e della vita privata dei protagonisti. Bolelli, scegliendone uno tra tutti, fa l’esempio di LOST, un’icona tra le serie tv, che lui definisce “l’opera più complessa mai concepita da mente umana“. Tra storie, “misteri, salti temporali, mondi paralleli, flashback e flash forward, grandi temi filosofici e metafisici, tutta l’epica pop” si fonde in questo capolavoro. Si tratta dunque di un’opera d’arte dalla quale non viene fuori altro che il livello d’intelligenza raggiunto dagli uomini, che quasi interagiscono con le storie e gli eventi raccontati.

E infine, come ciliegina sulla torta degli eventi che cambiano la vita di ognuno di noi, come non inserire il classico colpo di fulmine? “Improvvisamente vedi lei e provi un senso di rivelazione, di assoluto, di “ecco, è così che deve essere”. Un fenomeno tanto fisico quanto sentimentale: perché in quell’istante di fiammeggiante intensità noi siamo colpiti da un big bang di informazioni genetiche, culturali, sessuali, vitali”. Un colpo di fulmine dalla cui rielaborazione partono una serie infinita di impulsi e di azioni che conducono a uno dei più grandi cambiamenti di vita.

Certo per tutti noi è soggettivo il dare importanza ad un evento piuttosto che ad un altro, facendolo diventare importante e decisivo, e non tutti purtroppo sono positivi come quelli appena elencati, ma in questi cinque, pochissimi, episodi, si racchiude un mondo complesso di pensieri, sentimenti, azioni di tutti i giorni, che da un certo momento in poi possono cambiare per sempre, solo grazie allo scatenarsi di una serie di “reazioni a catena” che conducono a nuove prospettive di vita.