Ecco quali sono i cibi che NON bisogna mettere in frigorifero

MeteoWeb

Spesso pensiamo erroneamente che il modo migliore per rendere gli alimenti più “duraturi” sia quello di buttare tutto nel frigorifero, appena tornati dal supermercato e dunque subito dopo averli acquistati. Ma alcuni alimenti, fatti refrigerare, si deteriorano più rapidamente, perdono il loro sapore e la loro consistenza, o semplicemente si anneriscono. Ecco la lista stilata dal britannico Indipendent.

Pomodori: mettere i pomodori nel frigo impedisce loro di maturare e uccide il loro sapore. Cambia la loro struttura chimica e si riduce la quantità di composti volatili nel frutto, che in genere sono riconducibili al loro sapore.

Patate: le patate devono essere conservate in  un luogo fresco e asciutto, in un sacchetto di carta o forato per mantenerle secche e lontane dall’umidità. Dunque, non in frigorifero. Tenendole in frigo, inoltre, l’amido contenute nelle patate può subire delle modifiche, cambiandone la consistenza, il colore e il sapore.

cipolla muffaCipolla: se le cipolle hanno la buccia necessitano di un luogo fresco e asciutto. Le cipolle possono essere riposte in frigo quando sono già sbucciate o tagliato, ma sempre in un contenitore sigillato e non oltre sette giorni.

Pane: il frigorifero è assolutamente sconsigliato per il pane, perché la temperatura fredda causa “cristallizzazione” e dunque accelera il processo che porta il pane a diventare duro e stantio.

Banane: metterle mature in frigo le manterrà solo paio di giorni, ma se vengono refrigerate quando ancora sono verdi e dure, non matureranno completamente e diventeranno comunque nere. Le banane sono un frutto tropicale e non hanno la naturale difesa contro il freddo all’interno delle loro pareti cellulari.

aglioAglio: metterlo in frigo o in sacchetti di plastica può farlo ammuffire. Il modo migliore per conservare l’aglio è tenerlo a temperatura ambiente in un luogo secco e buio, che ampia circolazione d’aria e con poca luce per evitare la germogliazione dei bulbi.