Festa della donna, donne vs uomini: risparmiano di più, ma acquistano più prodotti made in Italy

MeteoWeb

In occasione dell’8 marzo, Eurispes ha voluto indagare sulla condizione economica femminile nel nostro Paese. Nonostante sia incrementato il potere d’acquisto, le donne continuano a risparmiare più degli uomini. Le prime sembrerebbero più propense a fare shopping negli outlet e nei grandi magazzini e a riuscire a fare a meno dell’ultimo modello di cellulare o Ipad. Non solo, le donne risultano più aperte sui temi come l’eutanasia, le unioni gay e le adozioni rispetto ai maschi, anche se alla maternità surrogata dicono no. Ancora no alla liberalizzazione di marijuana e hashish, ma si alla legalizzazione della prostituzione. Le italiane  hanno, infatti, ridotto le spese per il loro tempo libero. Sono il 69,8% a tagliare su ristoranti e pizzerie.

E’ anche vero, però che rispetto agli uomini sono aumentate le spese per parrucchiere, estetista e articoli di profumeria. Bel il 43,5% ha però tagliato sulla colf, sulle baby-sitter e la badante. Una donna su 5, nel 2015, ha poi svolto un secondo lavoro per arrotondare le entrate. Questo riguarda soprattutto le 25-34enni nelle Isole e nel Nord-Est. Tra queste, il 20,3% si sono rivolte a conoscenti per svolgere lavori come assistenza agli anziani, sartoria, baby sitting, pulizie etc. Il 29,3% ha svolto un lavoro meno qualificato rispetto alle sue competenze pur di portare a casa qualche soldo.  Per quanto riguarda l’alimentazione si privilegia l’origine italiana acquistando anche prodotti a marchio Dop, Igp e Doc. Circa il 13,8% di donne, infine, dichiara di essere vittima di stalking da parte di un ex, dei colleghi di lavoro, di conoscenti, amici, parenti e anche il proprio partner.Le donne sono le vittime privilegiate di molestie telefoniche e online (20% contro 11,8% degli uomini).