Giornata Mondiale dell’Acqua: un italiano su 3 non presta attenzione agli sprechi

MeteoWeb

Ben un italiano su 3 (33%) non presta attenzione agli sprechi d’acqua in casa. E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle (www.inabottle.it) condotto in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1300 italiani – uomini e donne di eta’ compresa tra i 20 e i 55 anni – attraverso un monitoraggio online sui principali social network per capire gli errori piu’ diffusi in fatto di spreco d’acqua in casa. I punti deboli di uomini e donne? Per lei i capelli, con quasi 4 donne su 10 che lasciano scorrere l’acqua. Per lui la barba, con un uomo su 3 che quando si rade lascia aperto il rubinetto per essere “piu’ comodo nel pulire il rasoio dopo ogni passata”.

Quanta attenzione prestano gli italiani al risparmio d’acqua nelle normali attivita’ domestiche? Ad essere molto attento e’ solo il 13% mentre ben un italiano su 2 (51%) ne presta poca o nulla.

Tenere aperto il rubinetto quando ci si lava i denti comporta uno spreco dai 6 agli 8 litri; mentre quando ci si rade, tra insaponatura e rasatura si puo’ arrivare addirittura a 35-45 litri – ha spiegato Francesco Bedussi del Centro Antartide – Fare la doccia invece del bagno permette inoltre di risparmiare fino al 70% di acqua, soprattutto se non ci si dilunga troppo. Infine quando si cambiano gli elettrodomestici, e’ bene fare attenzione ai consumi idrici (sono indicati nella targhetta energetica) e scegliere quelli meno spreconi“.