Il diabete aumenta il rischio di contrarre gravi infezioni del sangue

MeteoWeb

Uno studio danese pubblicato sul European Journal of Endocrinology ha evidenziato come i pazienti affetti da diabete siano tre volte più inclini, rispetto agli altri , a contrarre  infezioni del sangue da Staphylococcus aureus. Un rischio di infezione del sangue da stafilococco aureo 2,8 volte maggiore per i diabetici che a volte può anche essere letale.

Lo  Staphylococcus aureus è infatti un particolare batterio che vive sulla pelle ma che occasionalmente può provocare infezioni. Un problema non trascurabile essendo che la contrazione col virus può essere fatale se i batteri entrano nel flusso sanguigno. L’incidenza di infezione da S. aureus è aumentata notevolmente negli ultimi 20 anni.

I ricercatori dell’Aalborg University Hospital e dell’Aarhus University Hospital, in Danimarca, hanno analizzato i dati di 30.000 persone provenienti da quattro diversi registri medici danesi per un periodo di 12 anni.

Rispetto a persone non diabetiche, i pazienti con diabete di tipo 1 erano 7,2 volte più a rischio di infezione da S. aureus e le persone con tipo 2 erano 2,7 volte più a rischio. Problemi renali associati al diabete sono emersi come uno dei fattori di rischio più elevati.

Gli esperti sottolineano inoltre che “La cattiva gestione del diabete può portare a una risposta immunitaria alterata. Questo può essere il motivo per cui questi pazienti sono a più alto rischio di infezione. Ma i diabetici soffrono spesso anche di altre patologie associate, cosa che può aumentare la loro suscettibilità alle infezioni”