Le mandorle: alla scoperta delle loro straordinarie proprietà benefiche e cosmetiche

MeteoWeb

Le mandorle, il cui nome scientifico è Prunus dulci, sono il seme commestibile del Mandorlo, pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae, originaria dell’Asia, importata prima in Sicilia prima e poi in tutto il Mediterraneo dai Fenici. Tante sono le loro proprietà benefiche: preziosa fonte energetica, esse contrastano l’invecchiamento ed il rilassamento cutaneo, contrastando l’azione dannosa dei radicali liberi, abbassano i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, esercitano un’azione antinfiammatoria e antisettica, contrastano l’anemia, aiutano il benessere intestinale, prevenendo episodi di stitichezza grazie alla loro azione leggermente lassativa.

MANDORLE COPInoltre, aumentano l’intensità minerale ossea, prevengono le malformazioni fetali come la spina bifida grazie al loro contenuto di acido folico, rappresentano un toccasana per l’umore, esercitando un’azione antidepressiva, contribuiscono alla salute di arterie e cuore, aiutano a mantenere bassi i livelli di pressione sanguigna. Le mandorle riducono il rischio di tumore al colon, rafforzano la memoria, sono consigliate per donne in stato interessante, sportivi, anziani, soggetti colpiti da osteoporosi.

mandorleEmolliente, addolcente, nutriente e lenitivo, l’olio di mandorle viene utilizzato per il trattamento delle pelli secche e arrossate come quelle sensibili dei bambini, accelera la guarigione delle dermatosi ed è un rimedio molto efficace contro le smagliature: soprattutto nel periodo di gravidanza o quando si segue un regime dimagrante,  il consiglio è di applicarlo nelle “zone critiche” come seno, fianchi, cosce, sulla pelle pulita, attraverso un massaggio leggero e delicato per favorirne l’assorbimento negli strati profondi ed il rilascio dei suoi principi attivi. Ottimo rimedio per capelli sfibrati e opachi con punte secche che necessitano di una cura rigenerante, può essere impiegato per detergere il viso, in alternativa ai saponi più aggressivi, idratandolo naturalmente, senza alternarne l’equilibrio naturale.