Scienza: i suoni ci possono uccidere?

MeteoWeb

Anche i suoi possono uccidere. E quale arma è in grado di farlo? Proprio quella dell’Agenzia spaziale europea. L’arma supersonica è costituita da 4 corni rintracciabili all’interno del laboratorio acustico dell’Esa a Noordwijk, nei Paesi Bassi e serve per testare i satelliti e vedere se questi sono in grado di sopportare le vibrazioni e la pressione sonora. I corni utilizzano un flusso di azoto gassoso in grado di produrre un suono che supera i 154 decibel. Una breve esposizione a questa intensità sonora potrebbe far esplodere i timpani, un’esposizione più lunga potrebbe uccidere. Come? Attraverso la creazione di un embolo d’aria che dai polmoni arriva al cuore, causando la morte. Sembrerebbe, però, che a creare problemi siano anche alcuni ultrasuoni ad alta intensità non udibili dall’orecchio umano, ma che potrebbero causare danni fisici così come gli infrasuoni.

Anche senza raggiungere livelli letali, il rumore può far male alla salute. Infatti, circa 125 milioni di europei sono esposti a livelli di rumore eccessivi. Per questo motivo, l’Europa ha approvato una direttiva, che prevede la realizzazione di mappe che individuino fonti di inquinamento. Il nostro Paese è piuttosto indietro. Infatti, in 10 anni, è stato valutato solo il 50% del territorio.