Scoperto esopianeta simile a Giove con l’orbita di una cometa [VIDEO]

MeteoWeb

Scoperto un esopianeta con caratteristiche simili a Giove ma con un’orbita simile a quella di una cometa. HD 80606 b, descritto sull’Astrophysical Journal Letters, è stato localizzato a 190 anni luce dalla Terra, ed è stato osservato con il telescopio Spitzer della NASA dal team con a capo Julien de Wit, del MIT (Massachusetts Institute of Technology).

Il pianeta orbita attorno alla stella HD 80606, che forma un sistema binario con HD 80607, nella costellazione dell’Orsa Maggiore: ha una massa 4 volte quella di Giove, la durata del giorno è di circa 90 ore ed impiega 111 giorni per compiere un’orbita completa intorno alla sua stella. Il pianeta era già noto da 7 anni ma solo adesso le osservazioni agli infrarossi hanno reso possibile la sua identificazione. Secondo gli scienziati il pianeta inizialmente aveva un’orbita circolare, poi le perturbazioni della stella vicina lo hanno spinto a seguire un’orbita eccentrica.

Credit: NASA/JPL-Caltech
Credit: NASA/JPL-Caltech

Appartiene alla categoria dei c.d. “gioviani caldi”, giganti gassosi che ruotano molto vicini alle loro stelle: a differenza degli altri pianeti del genere osservati finora, HD 80606 b non segue un tracitto circolare, anzi ha un’orbita molto ellittica, come quella di una cometa, che lo porta ad avvicinarsi molto alla sua stella, quasi fino a sfiorarla. La fase di massimo avvicinamento dura circa 20 ore, durante le quali la superficie si riscalda fino a superare i 1.100°C.

Credit: NASA/JPL-Caltech/MIT
Credit: NASA/JPL-Caltech/MIT

Tanto per rendere l’idea, “se la Terra dovesse avvicinarsi così tanto al Sole, perderebbe la sua atmosfera e la superficie si trasformerebbe in magma,” ha spiegato de Wit. Inoltre, quando il corpo celeste si allontana dal suo sole, raggiunge temperature così basse da diventare invisibile agli “occhi” del telescopio Spitzer.

Adesso HD 80606 b si troverebbe in una fase di transizione, perché la forza di gravità della sua stella starebbe lentamente riducendo l’eccentricità dell’orbita, e nei prossimi 10 miliardi di anni il pianeta dovrebbe seguire un’orbita circolare molto vicina al suo sole.