Allerta Meteo: forte maltempo al Sud tra sabato e domenica, venti freddi e temporali. FOCUS con tutti i dettagli

MeteoWeb

La circolazione depressionaria nord-africana, responsabile delle piogge e dei rovesci che in queste ore stanno interessando diverse regioni del centro-sud, nel corso della serata, spostandosi in direzione del basso Adriatico, tenderà rapidamente a colmarsi, fino ad essere quasi completamente assorbito, entro la prossima notte, dall’isolamento di un nuovo “CUT-OFF”, in fase di isolamento fra i Pirenei e le Baleari. Questo nuovo “CUT-OFF”, che dalla prossima notte si avvicinerà alla Sardegna e alle nostre regioni nord-occidentali, si svilupperà lungo il bordo più meridionale di una estesa saccatura nord atlantica, che dall’Atlantico settentrionale affonderà le proprie radici fino al bacino centro-occidentale del Mediterraneo.

satelliti italia oggi venerdì 8 aprile 2016 (3)Lungo la parte più meridionale di questo asse di saccatura, ricolmo di aria fredda polare marittima, si verrà ad instaurare un marcato processo di “stretching”, indotto dalla spinta verso levante del promontorio anticiclonico delle Azzorre, il quale verrà parzialmente eroso da ovest per l’approssimarsi di una giovane e profonda depressione extratropicale dalle coste del Canada orientale.

Terminato il processo di “stretching” il “CUT-OFF” comincerà a staccarsi dalla saccatura principale, evolvendo in direzione della Sardegna e del medio-basso Tirreno, sotto forma di una circolazione depressionaria ben sviluppata anche negli strati più bassi.

??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

La ciclogenesi, inoltre, dalla mattinata di domani sarà alimentata dal passaggio nell’alta troposfera di un ramo secondario del “getto polare” che entrerà sul bacino centrale del mar Mediterraneo, transitando al traverso della Sardegna e della Sicilia, con massimi di velocità in quota significativi. Il sistema frontale associato nei bassi strati sarà seguito dall’afflusso di aria decisamente più fredda, di origine polare marittima, che oltre a causare un marcato calo delle temperature, originerà condizioni di spiccata instabilità atmosferica.

Prognose_20160408Soprattutto lungo le regioni del medio-basso Adriatico, in Sicilia e sulle coste del medio-basso Tirreno, dove saranno possibili anche dei rovesci e dei fenomeni a prevalente carattere temporalesco. Il passaggio del “getto polare”, lungo il bordo più meridionale della ciclogenesi in allontanamento sul Tirreno, esacerberà la convenzione, dato l’effetto “vuoto” prodotto dai massimi di velocità del “getto”, costringendo le masse d’aria in ascesa, per l’ingente “gradiente termico”, a spingersi fino al limite superiore della troposfera.

rh500z1_web_18La formazione di queste “Cellule temporalesche”, di chiaro stampo marittime, originerà dei rovesci e dei temporali che nel corso della giornata di domani investiranno la Sicilia e le coste della Calabria tirrenica, dove si potrebbero verificare pure delle brevi grandinate, di piccola taglia. Dalla seconda parte della giornata di domani, con lo spostamento della ciclogenesi verso il medio-basso Tirreno, si assisterà ad un progressivo aumento dei valori di geopotenziale sul Mediterraneo centrale e sui mari ad ovest della Sardegna.

italia satellite venerdì 8 aprileNel corso della serata e della successiva nottata questo aumento del campo del geopotenziale si estenderà al resto del nord-ovest, favorendo un più deciso miglioramento del tempo in gran parte delle regioni settentrionali. Da domenica, mentre l’intero asse di saccatura scenderà ulteriormente di latitudine “avvettando” aria fredda di stampo polare marittima fino al cuore del Mediterraneo, la ciclogenesi posizionata sul medio-basso Tirreno il giorno precedente si sposterà gradualmente sullo Ionio, convogliando aria più fredda di tipo polare marittima in direzione delle Isole Maggiori e delle nostre regioni meridionali, dove si assisterà anche ad un marcato calo termico.

wind10m_H_web_38L’afflusso dell’aria più fredda, polare marittima, verso le nostre regioni meridionali genererà ulteriore instabilità in seno al flusso freddo post-frontale, favorendo lo sviluppo di diversi “nuclei convettivi”, esaltati dall’interazione del freddo flusso da O-NO e NO con i rilievi della Sicilia settentrionale e della Calabria tirrenica, la quale agevolerà lo sviluppo di imponenti annuvolamenti cumuliformi pronti a dare luogo a delle piogge e a dei brevi ed isolati rovesci, in decisa attenuazione dal tardo pomeriggio/sera. Sulle rimanenti regioni, a partire da quelle settentrionali per arrivare a quelle centrali, il tempo andrà rapidamente a migliorare per il graduale aumento del geopotenziale in quota, anche se nei bassi strati circolerà aria ancora piuttosto umida.

PREVISIONI

SABATO 9 APRILE 2016

CNMC_LAM_201604081545_ITALIA_IRLI@@@@_@@@@@@@@@@@@_@@@_000_@@@@Al mattino migliora al nord-ovest con l’arrivo di ampie schiarite e spazi soleggiati, specie fra Piemonte, Lombardia occidentale e Liguria. Persiste ancora un po’ di instabilità sulle regioni di nord-est, con piogge, rovesci e isolati temporali che al primo mattino potranno colpire l’est dell’Emilia, la Romagna, il Veneto e parte del Friuli. Piogge sparse saranno possibili anche fra Marche, Abruzzo e Molise. Tempo improntato alla variabilità sul resto delle regioni centrali, così come su gran parte del sud, dove dominerà una nuvolosità irregolare. Dalla tarda mattinata è atteso un progressivo aumento della nuvolosità a partire dalla Sardegna e della Sicilia che si accompagnerà a delle piogge e a rovesci, maggiormente probabili sull’ovest della Sicilia.

venti ore 17 di sabatoNel pomeriggio migliora ulteriormente al nord, con schiarite e spazi di sereno in estensione al resto delle regioni, tra Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Nel pomeriggio qualche rovescio sarà possibile lungo l’Appennino Emiliano, con possibili sconfinamenti sulle sottostanti aree pedemontane. Nel pomeriggio peggiora sulla Sicilia e sul resto delle regioni meridionali con piogge, rovesci e persino locali temporali che si estenderanno alla Calabria, il sud della Basilicata, la Puglia e il sud della Campania. Qualche rovescio o breve temporale sarà possibile nel corso del pomeriggio anche sulle Marche, Umbria, Abruzzo e Molise.

DOMENICA 10 APRILE 2016

venti notte tra sabato e domenicaAl mattino migliora sensibilmente su tutto il nord per l’avanzare di ampi spazi di cielo sereno o poco nuvoloso che si propagheranno rapidamente anche alla Toscana, l’Umbria e il Lazio. Maggiori spazi di sole anche tra Marche, Umbria, Abruzzo e Molise. Cieli nuvolosi su Campania e Basilicata, ma con scarse precipitazioni.

Persiste ancora un po’ di instabilità sulle coste della Calabria tirrenica e della Sicilia settentrionale, dove si potranno verificare dei brevi rovesci e dei temporali, in esaurimento dalla tarda mattinata.

Nel pomeriggio tempo maggiormente stabile e con poche nubi sparse su gran parte delle regioni settentrionali, con prevalenza di cieli sereni o poco nuvolosi. Cieli poco nuvolosi o al più parzialmente nuvolosi sulle regioni centrali. Migliora anche al sud, con residue piogge sparse fra la bassa Calabria tirrenica e il nord-est della Sicilia. Si aprono ampie porzioni di cielo sereno sul resto delle regioni meridionali.

wind10m_H_web_36TEMPERATURE

Sono previste in forte calo su tutte le regioni a partire dalla giornata di domani.

VENTI

Da domani si disporranno dai quadranti occidentali presentando temporanei rinforzi da Ovest e O-NO su mar di Sardegna, Canale di Sardegna, Canale di Sicilia e basso Tirreno, dove spireranno venti piuttosto sostenuti, a tratti pure intensi, con raffiche in grado di lambire i 50-60 km/h. Domenica una sostenuta ventilazione da O-NO soffierà ancora fra basso Tirreno, Canale di Sicilia e Ionio, con raffiche che potranno superare anche i 50 km/h.

MARI

Si presenteranno da mossi fino a molto mossi, localmente agitati a largo, il mar di Sardegna, Canale di Sardegna, Canale di Sicilia e basso Tirreno, mentre domenica sarà lo Ionio a divenire molto mosso.

Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting: