Astronomia: rilevati buchi neri che divorano le loro stelle in tempo record

MeteoWeb

Scoperti dei buchi neri che divorano le loro stelle così rapidamente da scagliare nello spazio la materia in eccesso a una velocità di 70.000 km/s: i risultati della ricerca, pubblicati su Nature si devono al team guidato da Ciro Pinto, della Cambridge University. La scoperta è scaturita dall’analisi delle sorgenti di raggi X osservate dal telescopio spaziale ESA Xmm-Newton: sono stati rilevati flussi di gas scagliati ad altissima velocità da NGC 1313 X-1 e NGC 5408 X-1, sorgenti situate in galassie lontane 22 milioni di anni luce dalla Via Lattea. La materia che alimenta i buchi neri formerebbe un disco che si gonfia tanto da riuscire a sfuggire alla forza gravitazionale del buco nero stesso: allontanandosi scaglia nello spazio flussi di gas velocissimi come quelli osservati dai ricercatori di Cambridge. “Riteniamo che queste sorgenti siano sistemi binari speciali, che assorbono il gas dalle loro stelle a un tasso molto più alto rispetto a un normale sistema binario,” spiega Pinto. “E’ la prima volta che osserviamo venti di gas associati a fonti di raggi X ultra-luminosi.”
L’altissima velocità è indicativa della natura degli oggetti che li emettono: potrebbe trattarsi di buchi neri intermedi che stanno divorando velocemente le loro stelle.