Ettore Majorana ed il mistero della sua scomparsa: ancora oggi domande, dubbi e ricerche

MeteoWeb

Esce nelle sale italiane da venerdì 15 aprile, distribuito da Istituto Luce-Cinecittà, “Nessuno mi troverà–Majorana Memorandum“, il film-documentario di Egidio Eronico su Ettore Majorana. Il 26 marzo del 1938 scompariva a soli 31 anni senza lasciare traccia e spiegazioni il più grande fisico teorico italiano del ‘900, e forse il più noto scomparso della nostra storia contemporanea. La sua sparizione, a distanza di quasi ottant’anni, non ha smesso di produrre quesiti, dubbi, ricerche; mentre i suoi lavori scientifici sono oggi più attuali di quando furono pubblicati, e alcune sue ipotesi potrebbero ancora essere oggetto di imminenti clamorose conferme.

Il suo enigma, lungi dall’essere risolto, è diventato un paradigma di questioni scientifiche, politiche, morali (come la responsabilità degli scienziati rispetto all’atomica) che agitano ancora la nostra società.

Ettore Majorana
Ettore Majorana

All’indomani della scomparsa ha inizio la ridda delle ipotesi, delle congetture. Suicida? Rapito da potenze straniere? Fuggito dall’Italia? Ritiratosi in un convento?… Nell’affaire Majorana sembrano implicati scienziati atomici, servizi segreti, uomini politici, militari.

Cosa è stato di Majorana? Come può uno scienziato considerato da  Enrico Fermi dello stesso calibro di Galileo e Newton sparire nel nulla? Quale – ieri come oggi – la vera posta in gioco?

Attraverso documenti, immagini d’archivio, animazioni da graphic novel, testimonianze, documentario e ipotesi investigative, il film scandaglia quel mare di mistero chiamato Ettore Majorana.

Nell’occasione della promozione per le sale, il film si avvale della speciale collaborazione del CNR -Dipartimento di Scienze Fisiche e Tecnologie della materia – Ufficio Stampa, e nella realizzazione ha visto l’intervento di prestigiosi ricercatori, storici della scienza, studiosi, e di un avvincente contributo per le animazioni grafiche del Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento di Animazione.

Considerata la statura scientifica di Majorana e, quindi, la valenza indirettamente divulgativa dell’opera, il Cnr collaborerà con il Luce accompagnando con i propri ricercatori alcune proiezioni del film in diverse città italiane. In particolare, il 13 maggio a Torino, al cinema Massimo, parteciperà il presidente del Cnr Massimo Inguscio.
Corrado Spinella, direttore del Dipartimento di scienze fisiche e tecnologie della materia del Consiglio nazionale delle ricerche (Dsftm-Cnr), prenderà invece parte alla conferenza stampa e proiezione del docufilm, martedì 12 aprile alle 10.00 presso la Casa del Cinema a Roma.

ettore_majoranaNell’immaginario collettivo la figura di Ettore Majorana si identifica con lo stereotipo dello scienziato eccentrico, geniale, molto riservato e distaccato dalla realtà. Eppure gli anni vissuti da Majorana sono stati, per la Fisica e per la Scienza in generale, anni di svolta nella comprensione dei meccanismi che regolano il comportamento della materia nella sua struttura più intima”, commenta Spinella. “Insieme a Fermi, Majorana diede un contributo rilevante alle applicazioni della Fisica quantistica nella descrizione della struttura della materia e della fisica delle particelle. In linea con l’eccentricità del suo personaggio, alcune sue idee portarono alla conclusione dell’esistenza di particelle elementare, i fermioni di Majorana, alle quali si continua a dare la caccia (come è stato per il bosone di Higgs). Soltanto recentemente, nel 2001, grazie a ulteriori sviluppi teorici delle idee di Majorana, si è ipotizzato che le sue ‘strane particelle’ potessero essere scovate cercando in forme speciali della materia, quelle che danno origine al fenomeno della superconduttività (la proprietà grazie alla quale un materiale può condurre corrente elettrica senza resistenza, senza dissipare energia). E a circa 80 anni dall’ipotesi dell’esistenza dei fermioni di Majorana abbiamo le prime evidenze della loro esistenza. Insomma, Majorana ci ha messo davanti a tanti misteri e sfide complesse”.

NESSUNO MI TROVERÀ – Majorana Memorandum 

Prodotto da Andrea Stucovitz per Partner Media Investement in coproduzione con CUT& Editing & More, in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà, Fondazione CSC  Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento di Animazione – Sede del Piemonte, con il sostegno del MiBACT Direzione Generale per il Cinema, Regione Lazio Fondo Regionale per il Cinema e l’Audiovisivo, Film Commission Torino Piemonte

Una distribuzione Istituto Luce-Cinecittà

In collaborazione con CNR -Dipartimento di Scienze Fisiche e Tecnologie della materia – Ufficio Stampa

Soggetto, sceneggiatura e regia Egidio Eronico consulenza scientifica Francesco Guerra, Nadia Robotti fotografia Carlo Rinaldi musica Riccardo Giagni montaggio Antonio Canestri suono Alessandro Bianchi, Jacopo Pineschi, Andrea Sileo disegni e illustrazioni Leomacs direzione animazione Massimo Ottoni animazione Massimo Ottoni, Martina Carosso, Francesca Quatraro, Matthieu Narduzzi elaborazioni grafica e titoli Mauro Vicentini, Sandro Pompei ricerche e documentazione Miriam Del Prete

Voce narrante Marco Foschi Voce Ettore Majorana Alessandro Messina

Con:

Francesco Guerra, Nadia Robotti, Ettore Majorana jr., Etienne Klein, Wolfgang Fabio Schultze, Jordi Bonells, Roberto Finzi, Massimo Onofri