Fisica: il primo microscopio quantistico del mondo nascerà a Trento

MeteoWeb

Fisica: nasce a Trento il primo microscopio quantistico

Fondazione Bruno Kessler di Trento, sarà alla guida del consorzio europeo Supertwin che nei prossimi tre anni realizzerà il primo prototipo al mondo di microscopio quantistico. Lo scopo del progetto è quello di superare i limiti dell’ottica classica per mettere a punto un microscopio super potente, che riesca a sfruttare le proprietà dei fotoni “gemelli”, particelle elementari di luce teorizzate dalla fisica quantistica. Si potrà così raggiungere una risoluzione di poche decine di miliardesimi di metro (nanometri), consentendo di osservare ad esempio dettagli di virus o proteine. Gli studiosi della Fondazione Kessler creeranno un sensore ottico innovativo che sarà alla base del funzionamento del microscopio. “Siamo consci che gli obiettivi che ci siamo prefissati siano molto ambiziosi – spiega David Stoppa, responsabile dell’Unità di ricerca Iris della Fondazione Bruno Kessler e coordinatore del progetto – ma siamo altrettanto consapevoli della qualità del consorzio Supertwin e confidiamo di poter bissare i successi dei precedenti progetti europei cui abbiamo partecipato. Con questo programma avremo un’importante opportunità per ampliare, oltre ai settori biomedicale e spaziale, la gamma di applicazioni delle nostre competenze nella progettazione di sensori di luce intelligenti“.

Il progetto, creato nel contesto del programma Horizon 2020, si concluderà nel 2018 e riceverà un fondo europeo di 3.900.000 euro. Il consorzio Supertwin comprende, oltre alla Fondazione Bruno Kessler di Trento, A.P.E. Research srl (Italia), Centre Suisse d’Electronique et Microtechnique (Svizzera), III-V Lab (Francia), Single Quantum (Olanda), University of Bern (Svizzera), Åcole Polytechnique Fédérale de Lausanne (Svizzera), Institute of Physics, National Academy of Sciences of Belarus (Bielorussia), LFoundry S.r.l. (Italia).