Haiti: uccise tre donne sorde, si sospetta per riti di superstizione

MeteoWeb

L’uccisione di tre donne sorde nei pressi di Port au Prince ha sconvolto l’opinione pubblica rivelando anche la persistenza di pregiudizi. Jesula Gelin, Vanessa Previl e Monique Vincent erano tre amiche in una comunità per sordomuti. Dopo aver fatto la spesa, le tre donne si erano incamminate verso Leveque. Non sono mai arrivate a destinazione. I loro cadaveri sono stati trovati al mattino seguente e presentavano violenza estrema, percosse, ferite di coltello e bruciature. E’ molto probabile, che il gesto fosse un antico rituale commesso a causa dei pregiudizi contro le persone sorde, che sono viste come contagiose o portatrici di una maledizione.