Natura per tutti, sempre di più le iniziative per permettere ai disabili l’accesso a spazi naturali

MeteoWeb

In Spagna, come in Italia, si va diffondendo il turismo verde per disabili. Persone con mobilità ridotta che non possono percorrere sentieri di montagna, o mulattiere di campagna, vengono trasportate da accompagnatori preparati che gli permettono di godere delle bellezze della natura.
Per gli spostamenti su terreni accidentati, viene utilizzata una sedia dotata di ruota chiamata “sedia joelette”, che permette ai diversamente abili di restare in una posizione comoda.

In Spagna questo tipo di turismo verde sta prendendo piede anche grazie ad un’iniziativa della Fundación Global Nature, che insieme all’Associazione Montaña para Todos, (Montagna per Tutti) ha messo in marcia il progetto “Natura per Tutti”. L’obiettivo è rendere accessibile a tutti i sentieri che attraversano gli spazi naturali spagnoli, facendo sì che il piacere di godere della natura e del verde diventi un diritto di tutti.
L’iniziativa della Fondazione Global Nature ha già permesso a molti disabili di visitare spazi naturali protetti altrimenti inaccessibili. Inoltre è stato attivato un corso per accompagnatori, che vengono preparati all’uso delle sedie joelette. Per trasportare una sedia joelette serve una squadra di cinque persone, necessarie al trasporto nei punti più complessi e per un ricambio dei trasportatori.

Anche in Italia l’accompagnamento di disabili in luoghi naturali ha iniziato ad essere negli ultimi anni una realtà diffusa, grazie all’impegno di diverse associazioni. Iniziative come “diversamente speleo” hanno permesso ad esempio negli ultimi anni a molte persone prive di mobilità di entrare in grotta. Nel Lazio, una delibera regionale ha istituito una rete di sentieri accessibili a persone con mobilità ridotta, e da alcuni anni il CAI ha istituito la figura di “accompagnatore con ausili speciali da montagna sui Sentieri LH-LHT”. Recentemente è stato anche realizzato un corso per accompagnatori.