Referendum Trivelle: “il futuro è nelle rinnovabili”

MeteoWeb

Referendum Trivelle. Il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, invita ad andare a votare domenica al referendum sulle trivellazioni e sottolinea che “il futuro non sta nel gas o petrolio ma nelle energie rinnovabili che creano posti di lavoro, ricchezza, non inquinano l’Adriatico che grazie al turismo e alla pesca crea ricchezza e posti di lavoro” Ciambetti, rappresentante veneto nel Comitato nazionale promotore del Referendum, sottolinea che “il petrolio è il motore della corruzione mondiale, per il petrolio si fanno guerre, si corrompono governi e si uccide”. Plaude l’intervento “degli uomini di scienza e della ricerca, del mondo dell’arte e dello spettacolo, esponenti della cultura laica come le voce della Conferenza episcopale italiana che ha voluto sottolineare l’adesione dello spirito referendario all’Enciclica di Papa Francesco ‘Laudato Sì’“. “Non credete – conclude – a chi dice che il referendum creerà disoccupazione: da anni il settore petrolifero è in crisi e ogni anno perde occupati. E’ il mercato a creare disoccupazione, non un Referendum, che invece può costringere il governo a rilanciare l’energia da fonti riproducibili, a scommettere sull’economia verde, ecosostenibile, ecocompatibile e sana”. “Non dimentichiamo che nello scorso inverno proprio i combustibili fossili hanno trasformato la Pianura Padana in una sorta di camera a gas dall’aria irrespirabile: dobbiamo cambiare strategia“.