Salute: il primo biosimilare compie 10 anni

MeteoWeb

Dieci anni per il primo biosimilare. Il 12 aprile del 2006 Omnitrope* somatropina fu approvato dall’Ema (Agenzia europea del farmaco), guadagnando così il suo posto nella storia come il primo biosimilare e garantendo l’accesso al trattamento con ormone della crescita a un numero maggiore di pazienti europei. La somatropina è l’ormone della crescita ricombinante indicato per il trattamento dei bambini e degli adulti con deficit di ormone della crescita. E’ il farmaco biosimilare del biologico originator a brevetto scaduto. Se ne parlerà il 15 e 16 aprile a Parma, al Convegno Idee, Italian Debate for Endocrinology Experts, che vedrà la partecipazione di oltre 100 endocrinologi italiani e stranieri. L’endocrinologia ha vissuto nell’ultimo decennio un rapidissimo sviluppo. Per questo gli specialisti si confrontano, per aggiornarsi rispetto alle più recenti opportunità sul piano diagnostico e terapeutico: nasce proprio con questo intento il Convegno Idee, che conferma l’impegno di Sandoz in endocrinologia.

In questi 10 anni, l’utilizzo del primo biosimilare ha garantito l’accesso a oltre 40.000 pazienti nel mondo e ha permesso di raccogliere dati di sicurezza ed efficacia. “Posso confermare quanto viene riportato in letteratura internazionale: non ho trovato differenze significative nella risposta terapeutica e nel profilo di sicurezza tra Omnitrope e altri farmaci a base di Gh“, afferma Sergio Bernasconi, professore ordinario di Pediatria già direttore Clinica pediatrica dell’Università di Modena-Reggio Emilia e Parma, e membro del Comitato scientifico del Congresso Idee. “Mi ha fatto inoltre molto piacere – conclude Bernasconi – aver contribuito a organizzare a livello scientifico l’evento formativo di Parma, che considero anche un riconoscimento a quanto la nostra Scuola di endocrinologia pediatrica ha prodotto a livello culturale e di ricerca nell’arco di molti anni“.