Spagna, 18 anni fa il disastro ambientale di Aznalcollar: uno dei peggiori d’Europa

MeteoWeb

Il 25 aprile di diciotto anni fa, nel 1998, avveniva in Spagna una delle catastrofi ambientali peggiori della storia d’Europa. La rottura della diga di un bacino pieno di residui tossici, frutto dell’attività estrattiva della miniera di Aznalcollar, in Andalusia, portava all’inondazione di una vasta estensione di territorio. Oltre 5 milioni di metri cubi di fanghi e liquidi tossici invasero la zona, arrivando al fiume Guadiamar e successivamente al Guadalquivir. Anche il Parco Nazionale di Doñana venne interessato. La contaminazione da metalli pesanti ed altri elementi chimici fu molto estesa.

A diciotto anni da quell’evento, con livelli di contaminazione ancora molto alti, gli ecologisti spagnoli denunciano la prossima riapertura della miniera da cui si originò il disastro. “Abbiamo imparato poco da quella catastrofe”, denunciano, aggiungendo che la multinazionale messicana che gestirà le estrazioni ha un poco tranquillizzante curriculum: nel 2014 una sua miniera causò la peggior catastrofe ambientale del paese.