Tecnologia: le smart technologies stanno cambiamento il mondo del lavoro

MeteoWeb

Il 79% dei business leader italiani (63% a livello globale) stanno già investendo e traendo benefici dal maggiore utilizzo delle tecnologie intelligenti negli ambienti di lavoro e la comunicazione in Italia diventa sempre di più multi-canale e dominata dagli smartphone. Non solo. Lo ‘smart working‘ oggi è legato soprattutto allo smartphone. E, grazie alle nuove applicazioni multi-canale e multi-piattaforma, le aziende e i dipendenti stanno cambiando in maniera radicale le proprie preferenze nell’ambito degli strumenti per il lavoro di tutti i giorni. Emerge da una recente ricerca di Avanade Italy in partnership con Digital4 che fa il punto su come l’evoluzione delle soluzioni tecnologiche e la consumerizzazione dell’It stiano mutando profondamente le modalità e l’ambiente di lavoro degli italiani.

Con la partecipazione di 500 It e Digital leader provenienti da dodici diversi settori di business (compresi Financial Services, pubblica amministrazione, logistica e altri), la ricerca esplora le modalità nelle quali gli smart device (dispositivi intelligenti) vengono oggi utilizzati all’interno delle aziende italiane e quali saranno i prossimi investimenti in questo ambito. Dalla ricerca emerge chiaramente la propensione dei lavoratori per gli strumenti di produttività personale e aziendale che favoriscono la collaborazione, l’accesso alle informazioni utili per lo svolgimento delle attività di business e il decision making. Tra i principali dati della ricerca emerge che: il 78% degli intervistati ammette che lo smartphone è lo strumento preferito per il lavoro; il 74% dei manager conferma che i computer desktop ‘tradizionali’ sono ancora molto utilizzati in azienda; il telefono fisso continua a ricoprire un ruolo chiave nell’ambiente di lavoro ed è utilizzato dal 67% degli intervistati; il 44% dei responsabili It afferma di usare il tablet nel loro lavoro di ogni giorno, dato che sottolinea come i ‘pc portatili’ hanno ancora un grande margine di crescita in ambito business rispetto ad altri smart device.

smartphoneE, infine, che i notebook si posizionano all’ultimo posto in termini di preferenza negli ambienti di lavoro italiani, con appena il 34% dei manager che predilige i laptop per gestire le proprie attività di business. Le email e le soluzioni Cloud riscuotono successo, ma le relazioni personali restano un elemento importante in Italia per avere successo sul lavoro. L’email rimane la soluzione predominante nello scambio delle informazioni nel 92% dei casi, seguita con il 44% dalle soluzioni in Cloud come OneDrive, Dropbox e WeTransfer. Il meeting di persona resta la forma di riunione preferita per il 94% degli intervistati, seguito dalle conference call con il 55% delle preferenze. Guardando invece alle piattaforme di comunicazione più evolute, la ripartizione vede un 31% di aziende che utilizzano soluzioni di Ucc di tipo aziendale e un 27% che invece impiega soluzioni Ucc 2.0 legate alla social collaboration, come ad esempio Skype for Business di Microsoft. Molte aziende italiane hanno mostrato attenzione nei confronti delle soluzioni di ultima generazione per lo scambio dei dati: oltre la metà, infatti, sarebbe interessata a soluzioni di bumping (device-to-device file transfer), e quasi la metà a soluzioni biometriche per potenziare la sicurezza di dispositivi e applicazioni, semplificando i processi di accesso ed elevando i livelli di protezione delle informazioni.

Dalla survey emerge da parte delle imprese italiane il riconoscimento del valore dell’innovazione e la volontà di intraprendere un percorso tecnologico in grado di ottimizzare la gestione e a migliorare la qualità delle comunicazioni tra i dipendenti e con i clienti. La precedente ricerca sviluppata da Avanade faceva emergere che il 38% delle aziende italiane pensa che le smart technologies saranno utili ad aumentare i ricavi nel corso dei prossimi cinque anni, sostenuti da ulteriori investimenti previsti. Tra le priorità di investimento evidenziate dalla nuova ricerca, con il 41% svetta la volontà di rendere più efficienti le postazioni di lavoro, seguita dal 32% di risposte che indicano un cluster tecnologico costituito da soluzioni a supporto della produttività individuale e della collaboration, mentre il 29% degli intervistati indica come priorità il potenziamento della sicurezza dei dispositivi fissi e mobili e dei dati.