Terremoto magnitudo 3.6 a Firenze: la scheda con gli effetti macrosismici

MeteoWeb

Grazie al prezioso lavoro di Giovanni Falcicchia, pubblichiamo la scheda con gli effetti macrosismici del terremoto di magnitudo 3.6 che si è verificato alle 09:47 in provincia di Firenze.

Terremoto con epicentro nel Distretto Sismico: Firenze

Data  25/04/2016                   UTC  07:47:50

Latitudine  44.06°                   Longitudine  11.40°

Magnitudo  3.6                      Profondità  4.9 Km

La presente scheda elenca gli effetti macrosismici stimati secondo un modello che utilizza i dati qui esposti. Gli effetti macrosismici rilevati, in una qualsiasi località, possono variare di uno o due livelli, in più o in meno, a seconda della conformazione geologica del territorio o di peculiari caratteristiche costruttive delle abitazioni. Escluso indicazioni diverse, la percettibilità del sisma è intesa in orario diurno. L’accelerazione di picco al suolo: PGA è espressa in cm/s².

  1. B. La numerazione e la terminologia utilizzate non equivalgono a quelle riportate in altre scale sismiche.

Città e territori a una distanza inferiore a 7 Km dall’epicentro:

Comunikmprovregioneabitanti
Firenzuola6,86(FI)Toscana4.851

7    –    Scossa moderata                 15 < PGA < 30             ( IV MCS )

terremoto firenze (1)All’interno delle abitazioni, moltissima gente avverte la scossa. La vibrazione sismica è piuttosto intensa e sveglia diverse persone. I lampadari compiono ampie oscillazioni. Il tremolio di finestre e suppellettili risuona con insistenza nelle case; alcuni oggetti vengono spostati. La gente è intimorita; in molti escono dagli edifici. All’aperto, un numero considerevole di persone percepisce distintamente il movimento tellurico e il chiaro rombo che lo precede. Le costruzioni non subiscono danni evidenti. Numerose le segnalazioni del sisma provenienti dal territorio.


Città e territori a una distanza compresa tra 7 Km e 13 Km dall’epicentro:

Borgo San Lorenzo11,8(FI)Toscana17.952
Scarperia8,17(FI)  ”  “7.795
San Piero a Sieve12,48(FI)Toscana4.233

6    –    Scossa  contenuta                8 < PGA < 15               ( III – IV MCS )

Molte persone, all’interno degli edifici, avvertono una vibrazione sismica d’intensità limitata ma tangibile. I lampadari oscillano visibilmente; si sentono vari scricchiolii e tremiti di finestre e vasellame. Qualcuno, mentre dorme, è svegliato. Diversa gente, messa in allarme da tali effetti, preferisce uscire dalle abitazioni. All’aperto, la scossa è percepita da un discreto numero di persone. Costoro sentono, abbastanza chiaramente, il rombo che precede il terremoto. Tramite Internet è trasmesso un numero considerevole di segnalazioni.


Città e territori a una distanza compresa tra 13 Km e 22 Km dall’epicentro:

Barberino di Mugello14,46(FI)Toscana10.751
Vicchio14,95(FI)  ”  “8.210
Vernio19,99(PO)Toscana6.010
Castiglione dei Pepoli21,23(BO)Emilia Romagna5.844
Dicomano21,16(FI)Toscana5.735
Vaglia18,99(FI)  ”  “5.099
Monghidoro19,5(BO)Emilia Romagna3.843
Marradi17,07(FI)Toscana3.233
Castel del Rio18,86(BO)Emilia Romagna1.215
Palazzuolo sul Senio13,2(FI)Toscana1.170

5    –    Scossa leggera                     4 < PGA < 8                 ( III MCS )

All’interno degli edifici, diverse persone avvertono una debole vibrazione. I lampadari compiono oscillazioni di piccola ampiezza; si sente lo scampanellio di cristalleria e vasellame. Qualcuno, preoccupato da tali effetti, per sicurezza, esce all’aperto. All’esterno delle abitazioni, solo in pochi percepiscono il terremoto; alcuni, con un certo anticipo, sentono un rumore simile a un tuono lontano. Dal territorio giunge un discreto numero di segnalazioni.


Città e territori a una distanza compresa tra 22 Km e 36 Km dall’epicentro:

Firenze33,92(FI)Toscana366.039
Prato31,42(PO)Toscana187.159
Sesto Fiorentino29,7(FI)Toscana48.195
Campi Bisenzio33,94(FI)Toscana43.580
Bagno a Ripoli34,69(FI)  ”  “25.488
Pontassieve31,79(FI)Toscana20.473
Montemurlo32,52(PO)  ”  “18.198
Agliana36,11(PT)Toscana16.938
Calenzano28,55(FI)Toscana16.918
Fiesole29,39(FI)Toscana13.968
Montale33,32(PT)  ”  “10.634

4    –    Scossa lieve                           2 < PGA < 4                 ( II – III MCS )

Un discreto numero di persone, ai piani superiori e intermedi degli edifici, avverte un tremore di modesta entità. I lampadari compiono oscillazioni di ampiezza minima; si ode un sommesso tintinnio di vetri e ceramiche. Tali effetti mettono in apprensione chi li percepisce. All’esterno, pochissime persone avvertono la scossa; qualcuno, con un po’ di anticipo, sente un cupo rumore a bassa frequenza. Poche le segnalazioni del sisma trasmesse via Internet.


Città e territori a una distanza compresa tra 36 Km e 60 Km dall’epicentro:

Bologna48,59(BO)Emilia Romagna380.635
Forlì54,23(FC)  ”  “116.029
Pistoia41,15(PT)  ”  “88.904
Imola41,11(BO)Emilia Romagna68.974
Faenza45,93(RA)Emilia Romagna57.973
Scandicci38,05(FI)Toscana49.624
Empoli52,52(FI)Toscana47.912
Casalecchio di Reno47,36(BO)Emilia Romagna35.328
Lugo57,17(RA)  ”  “32.016
San Lazzaro di Savena45,38(BO)Emilia Romagna31.466
Quarrata40,94(PT)Toscana25.448

3    –    Scossa            tenue                        1 < PGA < 2                 ( II MCS )

Poche persone in condizioni di quiete, ai piani superiori degli edifici, avvertono un leggerissimo tremore. I lampadari sono smossi dalla loro posizione di equilibrio. Tali effetti generano solo un po’ di apprensione in chi li percepisce. All’aperto, quasi nessuno avverte il sisma. Dal territorio giungono pochissime segnalazioni; in qualche caso isolato, esse riferiscono di un’indistinta, greve sonorità che precede il terremoto.


Città e territori a una distanza compresa tra 60 Km e 99 Km dall’epicentro:

Modena75,3(MO)Emilia Romagna179.353
Reggio nell’Emilia93,68(RE)Emilia Romagna163.928
Ravenna74,93(RA)  ”  “154.288
Rimini93,36(RN)Emilia Romagna143.731
Ferrara87,97(FE)Emilia Romagna131.842
Arezzo76,45(AR)Toscana98.352
Cesena67,87(FC)  ”  “96.984
Lucca75,57(LU)Toscana87.598
Pisa88,59(PI)Toscana86.263
Carpi90,34(MO)Emilia Romagna67.408
Viareggio94,62(LU)Toscana61.238

2    –    Scossa irrilevante                0.5 < PGA < 1.0           ( I – II MCS )

Agli ultimi piani degli edifici più alti e in condizioni di perfetta quiete, un esiguo numero di persone percepisce un’oscillazione lievissima; tale da non destare alcuna preoccupazione. All’aperto, nessuno avverte il terremoto. Nella regione, il rombo sismico non è udibile. Tramite Internet giungono isolate e sporadiche segnalazioni del sisma.


Territori a una distanza superiore a 99 Km dall’epicentro.

1    –    Scossa impercettibile                      PGA < 0.5        ( I MCS )

L’intensità dell’evento è trascurabile; esso è rilevato dalle stazioni sismiche presenti nella regione. Anche nelle condizioni più favorevoli, la scossa non è avvertita dalla popolazione. Dal territorio non giunge alcuna segnalazione del terremoto.