Tumori: “è necessario costruire un programma di sorveglianza personalizzato”

MeteoWeb

Ci sono tante persone che rischiano geneticamente di ammalarsi di tumore, ma tale rischio potrebbe essere gestibile con un’attenta sorveglianza, con una dieta e stili di vita mirati. A dichiararlo è Bernardo Bonanni, direttore divisione Prevenzione e genetica oncologica all’Istituto europeo di oncologia. Tutte e tutti coloro – risponde Bonanni – che, soprattutto giovani fra 20 e 30 anni, hanno visto tra i propri familiari piu’ casi di un determinato tipo di tumore“. Gli specialisti valuteranno se i tumori in famiglia sono stati causati dalla trasmissione di un gene mutato. “Col gene – precisa l’oncologo – viene trasmessa non la malattia, ma la predisposizione ad ammalarsi, piu’ probabilmente e spesso in eta’ piu’ giovanile rispetto alla popolazione generale“. “Oggi non e’ piu’ sufficiente parlare di ‘rischio’ riferito alla popolazione generale – sottolinea Bonanni – ma e’ opportuna invece la valutazione di un ‘rischio individuale’ e per fare questo e’ necessaria una scrupolosa raccolta e analisi della storia personale e familiare della persona“. Questo lavoro permette, secondo lo specialista milanese, di “costruire un programma di sorveglianza clinico-strumentale personalizzato“. Bonanni cita il tamoxifen e il raloxifen per il tumore della mammella, l’aspirina a dosaggio pediatrico per il cancro del colon retto, la pillola anticoncezionale per l’ovaio. “E sono allo studio molte altre molecole promettenti – precisa – fra cui la metformina (noto antidiabetico) per la prevenzione del tumore della mammella. Solo in casi estremi – conclude – se il rischio e’ molto alto, si puo’ decidere di ricorrere, se possibile, all’opzione della chirurgia profilattica“.