Valanghe: pericolo “debole in aumento” nel Friuli Venezia Giulia

MeteoWeb

Il persistere di temperature ormai primaverili e sempre positive anche in quota, sta favorendo una rapida riduzione degli spessori della neve e l’innalzamento del limite della stessa. Al mattino il manto nevoso è prevalentemente stabile e ben consolidato ovunque. Durante le ore più calde, a causa dell’innalzarsi della temperatura, dai pendii più ripidi e lungo i canaloni, sono possibili distacchi di piccole e medie valanghe spontanee a tutte le esposizioni, anche di fondo dai pendii prativi esposti al sole. Sempre nelle ore più calde il distacco provocato è possibile anche con debole sovraccarico. Grado di pericolo attuale: 1 (debole) in aumento a 2 (moderato) durante le ore più calde, ovunque“: questa la situazione odierna descritta dal Bollettino Valanghe della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia.