Vinitaly: parte la candidatura per le Colline del Prosecco come Patrimonio UNESCO

MeteoWeb

E’ partita da una delle più prestigiose vetrine mondiali come il Vinitaly la candidatura delle Colline del Prosecco, territorio dove si coniugano ambiente e viticoltura di qualità, nel cuore della provincia di Treviso, a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Il ”via” alla corsa verso il riconoscimento internazionale è stato dato dal Presidente della Regione del Veneto, affiancato dal Presidente del Consorzio del Prosecco Docg di Conegliano-Valdobbiadene Innocente Nardi e dell’Advisor del Progetto dottor Ottavio Di Bella nel corso di una Conferenza stampa che ha animato la giornata di oggi della rassegna del cinquantenario in corso a Verona. Erano presenti, tra gli altri, il Vice Presidente della Giunta regionale Gianluca Forcolin e gli Assessori all’agricoltura Giuseppe Pan, al turismo Federico Caner, alla cultura Cristiano Corazzari, e al sociale Manuela Lanzarin; numerosi Sindaci dei Comuni dell’area facenti parte dell’Intesa Programmatica, Consiglieri regionali, rappresentanti della Provincia e della Camera di Commercio di Treviso.

Il dossier tecnico è chiuso – ha annunciato con soddisfazione il Governatore – con la partita Unesco andiamo a competere al massimo livello mondiale convinti di poter vincere, perché proponiamo un sito unico al mondo e valorizziamo non solo la sua straordinaria qualità produttiva vitivinicola, ma anche un ambiente di pregio trattato come tale dai viticoltori, e una storia che risale a decenni e decenni addietro, quando gli agricoltori che io chiamo ‘eroici’, con le sole mani e le zappe, si spezzarono la schiena e riuscirono a sostituire i rovi e le sterpaglie che c’erano con meravigliose vigne“. “Il riconoscimento Unesco – ha tenuto a sottolineare il Presidente del Veneto – è un marchio che non porta vincoli, ma valorizza un sito in tutto il mondo. E’ il massimo al quale si può ambire, e non porterà benefici solo alle Colline del Prosecco ma a tutta l’enologia del Veneto. Proprio ieri – ha concluso il Governatore – ne ho parlato al Ministro Martina, che mi ha assicurato l’appoggio del Governo e una sua visita ai luoghi coinvolti dalla candidatura”.

Il Prosecco, citato per la prima volta in un documento scritto nel 1754, è divenuto il prodotto distintivo di quest’area collinare, sintesi di una originale combinazione tra pratica agraria tradizionale e ricerca scientifica applicata, ed è oggi il vino italiano più esportato. ”Oggi – ha detto con orgoglio il Presidente del Consorzio Innocente Nardiil Prosecco viene esportato in più di 100 Nazioni ed è il risultato di un’imprenditorialità progredita e diffusa, abbinata ad una vera e propria cultura del territorio. Non siamo né saremo mai un museo, ma un sito dove si fa viticoltura di qualità abbinata alla bellezza del territorio e alle sue peculiarità”.