Zoologia: la lepre blu di Pianosa racconta diverse storie del passato

MeteoWeb

La lepre blu di Pianosa potrebbe raccontare diverse storie del passato. Il gruppo di lavoro del progetto Life, finanziato dalla Commissione europea, è giunto alla conclusione che gli esemplari si trovano sull’isola dell’Arcipelago toscano e conservano i geni della lepre europea italiana. A darne notizia e’ l’Ente Parco dell’Arcipelago, che parla di una “scoperta nate per caso” ma che ora “terra’ impegnati ricercatori, tecnici e volontari esperti, nel monitoraggio e nella tutela di una entita’ unica e di inestimabile valore. Una perla di biodiversita’“. I ricercatori del Parco e di Ispra hanno catturato diversi esemplari. Gli animali, visti da vicino, si spiega, “presentavano lievissime differenze in dimensioni e colorazione rispetto alla comune lepre europea; tali indizi hanno fatto nascere quel dubbio“. Le analisi genetiche effettuate dal laboratorio di Ispra “hanno confermato l’inaspettata verita’: la popolazione deriva da lepri introdotte forse a meta’ dell’Ottocento dagli amministratori della colonia penale e grazie all’isolamento hanno mantenuto inalterate le loro caratteristiche, contrariamente a quanto accaduto nel resto d’Italia dove l’immissione di esemplari provenienti da varie parti del mondo ha contaminato irrimediabilmente l’aspetto e il genotipo originari“.