Accadde oggi: nel 1915 l’Italia dichiara guerra all’Austria-Ungheria, decidendo di entrare nel primo conflitto mondiale

MeteoWeb

Il 23 maggio 1915 l’ambasciatore italiano a Vienna, Giuseppe Avarna, dichiara ufficialmente guerra all’Austria-Ungheria da parte dell’Italia. Si tratta dell’atto ufficiale che sancisce l’entrata del nostro Paese nel primo conflitto mondiale, nei confronti del quale si era dichiarato fino a questo momento non interventista e neutrale; alcuni esponenti del governo iniziarono trattative diplomatiche con entrambe le forze in campo, che si conclusero con la sigla di un patto segreto con le potenze della Triplice intesa. Durante questo lungo periodo di trattative l’opinione pubblica giocò un ruolo decisionale fondamentale, e la scelta o meno di entrare in guerra fu condizionata dalle decisioni delle masse popolari, divise tra interventisti e neutralisti. A conclusione delle trattative il Regno d’Italia abbandonò lo schieramento della Triplice alleanza e dichiarò guerra all‘Austria-Ungheria, avviando le operazioni belliche a partire dal giorno seguente, il 24 maggio