Alimenti: altro che merendine, 8 bambini su 10 preferiscono pane e salame

MeteoWeb

Per 43 italiani su 100, il migliore salume è il salame seguito dal prosciutto crudo, dal prosciutto cotto, dalla mortadella, dalla bresaola, dallo speck, salsiccia, pancetta e culatello. Un aspetto interessante è legato alle abitudini alimentari dei più piccoli. C’e’ infatti una tradizione che non sembra essere mai passata di moda, il 79,2% delle famiglie ancora oggi preferisce dare per merenda ai propri figli un panino al salame. Solo l’11,6% degli intervistati dichiara di scegliere le merendine confezionate al momento della merenda. Questo è quanto emerge dalla ricerca svolta dalla cooperativa agricola Clai insieme all’istituto di ricerca EuromediaResearch. Clai ha un fatturato che ammonta a 220 milioni di euro ed una specializzazione nel settore del salame e nella produzione di salami realizzati con carne italiana, in occasione della 18esima edizione di Cibus ha voluto approfondire maggiormente il rapporto degli italiani con il consumo di questo prodotto.

salamePer quanto riguarda i consumi, gli italiani mangiano il salame, in media una o due volte la settimana (il 35,8% degli intervistati) principalmente come aperitivo e antipasto (32%) oppure come secondo piatto (28,6%), abitudine diffusa soprattutto nel centro Italia e tra le fasce d’eta’ piu’ giovani. Il dettaglio è sia la bontà del salame e il gusto unico. Il 65,3% degli intervistati dichiara di acquistare esclusivamente carne al 100% italiana e di essere anche disposto a spendere di piu’ per acquistare carne italiana al 100%. Anche per l’acquisto del salame gli italiani guardano l’etichetta e l’89,5% delle persone intervistate ritiene molto importante che il salame che acquista sia prodotto con carni italiane al 100%. “Non tutti i salami sono rigorosamente italiani al 100 per cento – spiega Giovanni Bettini, presidente di Clai – Noi di Clai possiamo garantire che i nostri salami provengono da una filiera controllata dai campi alla tavola. Ogni salame e’ prodotto esclusivamente con carni di suini pesanti italiani, nati, allevati e lavorati in Italia, secondo i parametri piu’ rigidi applicati per le DOP prosciutto di Parma e San Daniele: una scelta produttiva sull’intera gamma di salami che e’ una vera rarita’ nel settore industriale dei salumi“.

La Cooperativa Imolese durante il Cibus 2016, il Salone Internazionale dell’Alimentazione organizzato da Fiere di Parma e Federalimentare che si svolge a Parma, presentera’ due salami speciali prodotti con il 100% di carni italiane: lo “Strolghino allo zenzero Clai” e lo “Strolghino al tartufo nero estivo Clai“.