Allerta Meteo, il maltempo si sposta verso il centro/sud: domani attesi fenomeni intensi in molte Regioni

MeteoWeb

Allerta Meteo – Una intensa ondata di maltempo, caratterizzata da forti rovesci di pioggia, forti temporali e grandinate, le scorse ore ha interessato le nostre regioni centro-settentrionali, con fenomeni localmente anche particolarmente intensi. Specie fra Liguria, Lombardia, Veneto e parte dell’Emilia. Questa severa ondata di maltempo è associata all’ingresso, sulle nostre regioni più settentrionali, di una circolazione depressionaria chiusa in quota, proveniente dall’est della Francia. All’interno di questa struttura depressionaria, che presenta un minimo depressionario relativo nei bassi strati, prossimo alla Liguria, è presente un nocciolo di aria più fredda che sta esaltando notevolmente il “gradiente termico verticale”, specialmente fra media e bassa troposfera, favorendo lo sviluppo di una marcata attività convettiva, con la formazione di numerose “cellule temporalesche” e sistemi temporaleschi a multicella che stanno dando luogo ad intensi rovesci di pioggia, temporali e locali e occasionali grandinate.

Pisa 11Nel corso della serata e della nottata successiva questa circolazione depressionaria in quota, supportata da aria relativamente fredda nella media troposfera, scivolerà verso la Toscana, e in seguito sulle nostre regioni centro-meridionali, continuando ad apportare condizioni di spiccata instabilità convettiva, dapprima su Toscana, Marche, in estensione anche al Lazio, Umbria, Marche ed Abruzzo, dove si potranno verificare dei rovesci e dei temporali, localmente anche di forte intensità.

Supercella nel basso Veneto vicino Rovigo (foto di Nicolò Callegaro)
Supercella nel basso Veneto vicino Rovigo (foto di Nicolò Callegaro)

Da domani, con lo spostamento del minimo depressionario in quota verso le nostre regioni più meridionali, l’instabilità, con un marcato “forcing” di matrice convettiva, interesserà in maniera molto marcata le nostre regioni adriatiche e il centro-sud, con fenomeni che localmente potrebbero divenire anche di forte intensità, soprattutto fra l’Abruzzo, il Molise, la Puglia e la Basilicata, oltre che sul nord della Calabria.

Rielaborazione grafica di Pierluigi Randi
Rielaborazione grafica di Pierluigi Randi

L’intenso “gradiente termico verticale” associato alla struttura depressionaria, in lenta evoluzione verso levante, con contrasti termici veramente forti fra media e bassa troposfera, agevolerà lo sviluppo di intensi moti convettivi, favorendo la nascita di diverse “cellule temporalesche” e di sistemi temporaleschi alla mesoscala che colpiranno con particolare durezza le nostre coste adriatiche. Sulle regioni settentrionali, invece, il tempo volgerà verso un progressivo miglioramento grazie all’aumento del campo dei valori di geopotenziale in quota, il quale contribuirà a stabilizzare la colonna troposferica, ad iniziare dalle nostre regioni più nord-occidentali, come Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia, con l’avanzata di ampie schiarite e spazi di sereno.

Supercella nel basso Veneto vicino Rovigo (foto di Nicolò Callegaro)
Supercella nel basso Veneto vicino Rovigo (foto di Nicolò Callegaro)

Miglioramento che dalla seconda parte di domani andrà ad estendersi anche alle regioni centrali, ed in seguito anche al sud, salvo residui rovesci in aria fredda, per “forcing” orografico alla ventilazione nord-occidentale (l’interazione della ventilazione settentrionale con le locali montagne favorirà lo sviluppo di annuvolamenti cumuliformi che daranno la stura a residui rovesci), attesi sulle coste tirreniche della Calabria e della Sicilia nord-orientale. Su queste aree non prima di sabato pomeriggio si assisterà ad un definitivo miglioramento, con la stabilizzazione della colonna d’aria, grazie all’irrompere sul bacino centrale del Mediterraneo dell’anticiclone delle Azzorre. Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting: