Ambiente: è network tra le isole minori italiane con la firma de “La Carta de La Maddalena”

MeteoWeb

Le Isole minori italiane fanno network e danno vita a “La Carta de La Maddalena“, il manifesto per lo sviluppo sostenibile. L’annuncio è stato dato nel corso della conferenza “Greening The Islands Italia“, in collaborazione con Ancim, in corso a La Maddalena. Sono 36 i Comuni – in sette Regioni: Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia e Toscana – interessati al manifesto e che insieme rappresentano un’estensione di circa 1.000 kmq con circa 220mila abitanti. Obiettivo della Carta e’ creare un nuovo modello di sviluppo dell’economia delle isole che punti a valorizzare il connubio pubblico-privato, partendo da quelle che sono le potenzialita’ delle isole, quali il turismo, la cultura, l’ambiente, l’agricoltura e non ultimo la green economy.

Il modello di sviluppo fondato su beni culturali, energia, acqua, rifiuti e mobilità puo’ costituire il presupposto per la sperimentazione di un’economia locale che vede in questi fattori il rilancio delle isole, sempre tenendo in considerazione quelle che sono le loro specificità“, ha commentato Mario Corongiu presidente Ancim. “Con questa prima edizione di Greening The Islands Italia abbiamo messo le basi per un appuntamento che si ripetera’ annualmente con l’intento di monitorare l’evoluzione nel tempo de La Carta de La Maddalena e l’attuazione del nuovo modello di sviluppo di cui le isole si vogliono dotare“, ha detto Gianni Chianetta, direttore e coordinatore scientifico di Greening The Islands. Tra i temi maggiormente dibattuti l’atteso Decreto ministeriale Isole Minori, sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico. Durante la due giorni sarda e’ stato presentato anche il progetto “Favignana isola a emissioni zero“, promosso dalla Sea, Societa’ elettrica di Favignana.