Ambiente, Grasso: “partecipare alle decisioni dell’Ue è la priorità del Paese”

MeteoWeb

La partecipazione tempestiva e coesa al processo di formazione delle decisioni dell’Unione è una priorità ineludibile per il nostro Paese. Del resto, partecipare alle decisioni europee è anche il presupposto per garantire una migliore attuazione degli obblighi che ne conseguono“. Lo ha detto questa mattina il presidente del Senato, Pietro Grasso, durante il suo indirizzo di saluto alla presentazione della consultazione pubblica del Senato sul pacchetto dell’‘Economia circolare‘, organizzata in commissione Ambiente.

Sul tema dell’economia circolare, definito dal presidente del Senato “tema delicato“, “quello italiano – ha proseguito Grasso – è sinora l’unico Parlamento nazionale di uno Stato dell’Unione europea ad aver promosso, grazie all’impegno della Commissione ambiente del Senato, un’iniziativa di partecipazione democratica“. “La trattazione del dossier dell’economia circolare – ha evidenziato la seconda carica dello Stato – ha inoltre costituito l’occasione per la sperimentazione di nuove procedure volte a dare consistenza alle previsioni della riforma costituzionale che assegna al Senato un ruolo di raccordo tra le istanze locali e regionali e le istituzioni europee, ma che rappresenta, qualsiasi sarà il risultato del referendum di ottobre, una buona prassi per le Istituzioni italiane“.

Il contributo nazionale all’insieme di misure contenute nel pacchetto dell’economia circolare – ha sottolineato Grasso – consentirà all’Italia di esprimere contenuti qualificati, per conoscenze tecnologiche e sensibilità ambientale, in grado di promuovere la transizione verso modelli di sviluppo sostenibile“. “La complessa revisione delle direttive – ha concluso il presidente del Senato – incide su una pluralità di norme nazionali in materia di rifiuti“.