Astronomia: la relazione tra elementi pesanti e tasso di formazione di stelle non è costante

MeteoWeb

Uno studio guidato da Marcella Carollo del Politecnico di Zurigo, pubblicato sulla rivista Astrphysical Journal, ha svelato che 10 miliardi di anni fa la proporzione del numero di nuove stelle e la quantità di ingredienti pesanti è diversa rispetto a quella attuale. A partire dal Big Bang l’universo si è evoluto costantemente: inizialmente era formato solo da energia che raffreddandosi ha dato forma alla materia, a particelle elementari o semplici atomi. Le prime stelle hanno poi trasformato questi ingredienti creando elementi sempre più complessi.

Il numero di stelle prodotte dalle galassie è cambiato nel tempo: più stelle durante le prime fasi e meno stelle col passare del tempo. Al cambiamento però si riteneva corrispondesse un rapporto sempre costante tra elementi pesanti e numero di stelle nuove. I ricercatori svizzeri hanno scoperto che in queste vecchie galassie la relazione tra quantità di elementi pesanti e tasso di formazione di stelle non sarebbe costante ma diversa da altre galassie. Le cause sono per ora ignote ma saranno certamente in futuro oggetto di indagine.