Cibo: come non far marcire frutta e verdura

MeteoWeb

Conservare in buone condizioni frutta e verdura può diventare un’impresa difficile: quante volte ci sarà capitato di dover gettar via intere vaschette di fragole o pomodori poco dovo averle comprate. E ancora, chissà quante altre volte ci sarà capitato di chiederci come mai le banane anneriscano così velocemente. Se è vero che non è bene aspettare troppo prima di consumare certi alimenti, è anche vero che ci sono dei trucchi che possono aiutarci a capire come non far marcire frutta e verdura. Scopriamone alcuni:

pomodorini dopPomodori: una volta completato il processo di maturazione, sarebbe meglio tenere i pomodori a temperatura ambiente e sistemarli, possibilmente ancora uniti in un grappolo, con il picciolo rivolto verso l’alto. Il frigorifero è altamente sconsigliato, soprattutto perché ne altera il sapore. Se proprio non potete fare a meno di tenerveli, evitare quantomeno le buste di plastica.

Banane: si può evitare la diffusione dell’etilene, il gas che provoca l’annerimento dei frutti, avvolgendo il picciolo del frutto nella pellicola trasparente. È preferibile tenere le banane separate l’una dall’altra per evitare il processo di maturazione prematura.

Insalata: riporre l’insalata in un’insalatiera avvolta da un foglio di carta assorbente da cucina aiuterà a ad assorbirne l’umidità, permettendo di aspettare più a lungo prima di consumarla. È importante, anche in questo caso, togliere la verdura dalla plastica, in quanto questo è un fattore di aumento della condensa.

Fragole: tra i frutti che marciscono più rapidamente, è possibile far durare le fragole fino a due settimane se si immergono in una soluzione composta da dieci parti d’acqua e una di aceto bianco o di mele. Basterà mescolare qualche volta e poi scolare e risciacquare.

Cipolle: le cipolle possono durare fino a 8 mesi se inserite in un paio di collant e sistemate in un luogo buio e asciutto. Si consiglia di inserirle nelle “gambe” della calze e separate l’una dall’altra da un nodo. Per utilizzarle, è preferibile iniziare da quella che sta più in basso. Meglio comunque tenerle lontane dalle patate, in quanto i gas che le cipolle producono possono far germogliare le patate più velocemente.

ASPARAGI NUOVAAsparagi: per mantenerli freschi e croccanti vanno trattati esattamente come i fiori e sistemati in un vaso con dell’acqua fresca, da riporre poi in frigo. Possono durare, in questo modo, fino a una settimana.

Broccoli: soggetti a un processo di maturazione particolarmente rapido, i broccoli andrebbero consumati il prima possibile. Tuttavia, dureranno più a lungo se li “isolate” dall’atmosfera, avvolgendoli in un foglio di carta d’alluminio o nella pellicola trasparente. Se decidete di surgelarli, lavateli prima bene con acqua, sale e aceto e poi bolliteli, prima di metterli in freezer. In questo modo, dureranno fino a nove mesi.

Funghi: anche in questo caso, la plastica fa inumidire troppo rapidamente i funghi, facendoli marcire. Meglio quindi conservarli in una busta di carta, per poi riporli in frigo o in un altro luogo fresco e asciutto.

Questi i consigli più utili su come non far marcire frutta e verdura, tenendo sempre presente che si tratta di alimenti che andrebbero preferibilmente consumati freschi.