Clima: ong, eurodeputati e Icao concordi per il taglio delle emissioni di CO2

MeteoWeb

Il settore dell’aviazione deve concordare entro il 2016 un meccanismo efficace per il taglio delle emissioni di CO2 a livello globale. Questo è il contenuto dell’appello, in occasione dell’apertura a Montreal della riunione di alto livello dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile. Secondo quanto riferisce una rete di 64 associazioni ambientaliste, la risoluzione attualmente in discussione a Montreal non riconosce l’accordo di Parigi e gli sforzi per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi” e conterrebbe “una serie di punti deboli che minano” l’efficacia della misura taglia CO2 in discussione.

Se Icao concorda un meccanismo che non assicura che il settore dell’aviazione faccia la propria parte nel limitare i cambiamenti climatici, non vedo il motivo per il quale l’Europa non dovrebbe includere i voli internazionali da e per l’Ue nel sistema Ets da gennaio 2017” aggiunge Bas Eickhout, eurodeputato dei Verdi, alludendo alla ‘tassa’ sulla CO2 che al momento pagano solo i voli europei. Dal canto suo, l’industria europea “sostiene in pieno la necessita’ di una soluzione globale” e chiede di essere “attivamente coinvolta nel dibattito in corso all’Icao” riferisce il segretario generale dell’Ads, Jan Pie. “Una volta adottata una soluzione globale, l’Europa dovra’ modificare il suo sistema Ets per l’aviazione e allinearlo con quello globale” conclude Pie.