Clima, qual è la temperatura più bassa mai registrata sulla Terra?

MeteoWeb

Quando si parla di “freddo” ci si riferisce in generale ad una condizione climatica in cui gli esseri umani possono sopravvivere tranquillamente, semplicemente coprendosi con indumenti più protettivi e caldi. Espressioni come “oggi è andata sotto zero“, sono abituali dei mesi invernali, nelle giornate più fredde, ma nella gran parte dei casi – almeno in Italia – si tratta di pochi gradi centigradi sotto lo zero. Diverso il discorso se ci si trova in montagna a quote alte, dove spesso in inverno (sulle nostre Alpi o sull’Appennino) il termometro può scendere anche sotto i -20°C. In certe aree del mondo, come la Siberia, le temperature minime record hanno toccato anche i -60°C, un valore davvero difficile da immaginare.

Ebbene, immaginiamo che in alcune zone del mondo il termometro possa sfondare (e di molto) la soglia dei -80°C. Un valore difficile da immaginare, se già a -20°C la sensazione di freddo diventa insopportabile.

termometro freddo

È quanto accaduto in Antartide durante una misurazione a terra effettuata nel 1983, considerata ad oggi la temperatura più bassa mai misurata sulla Terra dall’uomo. Il 21 luglio di quell’anno, nei pressi della stazione russa Vostok, venne registrata la temperatura di -89,2°C. Ad un passo dai -90°C. Il valore venne misurato all’altezza di 3420 metri sul livello del mare e stracciò il record precedente di -88.3°C registrato sempre in Antartide nel 1960.

Recentemente una misurazione satellitare effettuata dalla NASA e dall’USGS con il Landsat 8, ha rilevato una nuova temperatura minima record in Antartide: -93,2°C ad una quota di 3900 metri sul crinale montuoso fra il Dome Argus e il Dome Fuji. Questo dato però non può essere considerato come record, perché si tratta di una rilevazione satellitare e non di una misurazione effettuata sul terreno. Per la World Meteorological Organization (WMO) le misurazioni devono essere effettuate entro i 2 metri dal terreno per esser considerate valide, e la rilevazione satellitare lascia un certo margine di errore. Inoltre vige la regola scientifica che un dato può essere comparato con un altro solo utilizzando uno stesso standard di misurazione.

Resta comunque un dato eccezionale: in Antartide si raggiungono temperature alle quali nessun essere umano potrebbe sopravvivere senza le adeguate protezioni. L’aria congelerebbe immediatamente i polmoni, appena respirata, provocando una morte quasi improvvisa.