Energia: risparmi fino a 400 milioni con sistema anti-sprechi nell’illuminazione pubblica

MeteoWeb

Si chiama Public Energy Living Lab (PELL) ed è un sistema di gestione messo a punto dall’ENEA per monitorare e rendere trasparenti i consumi nell’illuminazione pubblica; in particolare il sistema PELL consente di programmare interventi di efficientamento che applicati agli 11mila punti luce pubblici a livello nazionale potrebbero portare a risparmi fino a quasi 400 milioni l’anno, pari a circa un terzo della bolletta degli 8 mila Comuni italiani per l’illuminazione pubblica.

Già in fase di sperimentazione in venti comuni italiani, PELL è stato inserito da CONSIP – la “centrale acquisti” della Pubblica Amministrazione – nella Convenzione “Servizio Luce 4”  come strumento di monitoraggio della qualità del servizio di illuminazione pubblica. Di fatto, i fornitori che si aggiudicheranno la gara dovranno compilare e caricare sulla piattaforma PELL la scheda censimento con i dati degli impianti assegnati. L’infrastruttura informatica garantirà così un’attività “super partes” di monitoraggio dei consumi e di quantificazione dei risparmi conseguiti con gli interventi di riqualificazione messi in campo dagli operatori.

Il nostro obiettivo è di rendere disponibile un sistema di rilevamento dati puntuale, standardizzato e strategico per conoscere lo stato degli impianti e valutare piani di riqualificazione che garantiscono minori consumi, risparmi in bolletta, sicurezza per i cittadini, qualità del servizio e valorizzazione della città e del suo patrimonio”, spiega Nicoletta Gozo, ENEA, coordinatrice del progetto Lumière & PELL.

“La spending review ha identificato l’illuminazione pubblica quale settore centrale per la realizzazione di interventi di razionalizzazione della spesa, infatti gli interventi di efficienza in tale settore garantiscono ampi margini di risparmio a fronte di ridotti tempi di ritorno per gli investimenti”, sottolinea Marco Gasparri, CONSIP, direttore  Area Sourcing, Servizi e Utility. “La Convenzione ‘Servizio Luce 4’ – aggiunge – introduce per la prima volta un modello puro di contratto a prestazione energetica (EPC) dove il risparmio energetico raggiunto è condiviso tra PA e fornitore, in genere una ESCo”. 

PELL consiste in una sorta di piattaforma digitale per raccolta dati, rilevazioni, diagnostica dei consumi energetici, analisi delle prestazioni degli impianti;  grazie al costante monitoraggio e alla valutazione delle prestazioni, consente di innovare profondamente le modalità di gestione dell’illuminazione pubblica, un settore che consuma 5,9 TWh all’anno con una spesa di circa 1 miliardo di euro. La riqualificazione del sistema di illuminazione pubblica nazionale, attraverso interventi di efficienza aventi come oggetto la sostituzione delle tecnologie illuminanti e le modalità di gestione degli impianti (ad. es. telecontrollo) permetterebbe di abbattere di oltre un terzo i consumi di energia, con un risparmio di circa 400 milioni di euro e 1 milione di tonnellate in meno di emissioni di CO2.

Alla base del funzionamento della piattaforma c’è una scheda censimento con i dati “anagrafici” di ogni punto luce da compilarsi a cura dei gestori del servizio elettrico. L’infrastruttura informatica poi si avvale di smart meter, sensori ‘intelligenti’ installati sui quadri elettrici degli impianti per il monitoraggio dei consumi energetici, e di sistemi di trasmissione dati alla piattaforma cloud per l’analisi e l’elaborazione delle informazioni.

Il PELL risponde ad una logica di rivoluzione profonda delle infrastrutture pubbliche che mira a trasformarle in reti intelligenti attraverso la digitalizzazione delle informazioni, il monitoraggio continuo e l’elaborazione in tempo reale di consumi e prestazioni”, commenta Mauro Annunziato, ENEA, responsabile Divisione Smart Energy del Dipartimento Tecnologie Energetiche.

PELL è uno strumento operativo ideato nell’ambito di Lumière, un progetto di ricerca e trasferimento tecnologico dell’ENEA per promuovere l’efficienza energetica nel settore dell’illuminazione pubblica mediante lo sviluppo di strumenti operativi e di un modello di management unico per la gestione degli impianti.

Le altre notizie del nuovo numero del periodico ENEAinform@, online sul sito www.enea.it:

Energia: inaugurati quattro impianti solari a concentrazione in Italia e Medioriente

Nell’ambito del progetto STS-Med – che vede coinvolte 14 tra istituzioni, aziende locali, università ed enti di ricerca, tra cui l’ENEA – sono stati inaugurati quattro prototipi di impianti solari a concentrazione multi-generativi di piccola taglia in Italia, Egitto, Cipro e Giordania.

Ambiente: al via summer school ENEA su efficienza energetica e tecnologie CCS

Neoingegneri e architetti hanno tempo fino al 12 giugno per iscriversi alla Summer School in Efficienza Energetica organizzata dall’ENEA in programma dal 4 al 15 luglio 2016 presso il Centro Ricerche ENEA Casaccia. Inoltre dal 28 giugno al 1° luglio 2016 presso il Centro Ricerche Sotacarbo di Carbonia, in Sardegna, si terrà l’International Sulcis Summer School sulle tecnologie di cattura e stoccaggio della CO2, iniziativa formativa gratuita per studenti e neolaureati.

Agricoltura: concluso il progetto europeo per valutare l’impatto delle coltivazioni OGM

Il progetto europeo AMIGA ha individuato gli strumenti per valutare l’impatto ambientale ed economico delle coltivazioni OGM in Europa. L’ENEA ha coordinato questo programma scientifico che ha coinvolto 22 partner internazionali.

Ambiente: ENEA lancia un progetto di urban green

La città si tinge di verde. Non solo giardini e viali ma anche tetti, pareti e balconi diventano i luoghi ideali dove piantare e coltivare. Tanti polmoni metropolitani capaci di ridurre l’accumulo di calore, contrastare l’inquinamento acustico, da CO2 e polveri sottili e contribuire al deflusso delle acque piovane. Su queste basi ENEA ha lanciato il progetto Anthosart, in collaborazione con la Società Botanica Italiana e il Forum Plinianum e un finanziamento del MIUR.

Ricerca: Automotive, all’ENEA premio internazionale per la mobilità sostenibile

Mario Conte dell’ENEA ha vinto il premio “TRAVISIONS 2016” con il progetto ILHYPOS, per lo sviluppo di supercapacitori innovativi, ecologici e ad alto potenziale energetico per l’automotive. Coordinato dall’ENEA, ILHYPOS si è distinto come miglior progetto di ricerca finanziato dalla Commissione europea negli ultimi 10 anni, nella categoria “Trasporti stradali” riservata ai ricercatori senior.