Scheggiata la cupola della Stazione Spaziale, colpita da un detrito [FOTO]

MeteoWeb

La Cupola della Stazione Spaziale Internazionale è un vero e proprio occhio aperto sullo spazio, che con le sue 7 finestre ha spalancato agli astronauti sulla ISS un panorama a 360 gradi mai visto prima. Con la sua forma semisferica e i suoi 3 metri di diametro, la Cupola può ospitare più persone nello stesso tempo e offre un panorama mozzafiato sui corpi celesti. Da lì sono state scattate le più belle fotografie del nostro pianeta dallo spazio. Non solo: permette di osservare direttamente il braccio meccanico della stazione spaziale, controllando in maggior sicurezza le operazioni di attracco sulla ISS e le passeggiate spaziali degli astronauti.

cupola-ISSL’astronauta ESA Tim Peake ha documentato ieri un impatto di un detrito spaziale con la struttura (avvenuto circa un mese fa) che ha provocato un’incrinatura del diametro di circa 7 mm.

Non vi è alcun rischio per gli astronauti e la possibilità di osservazione non è compromessa: si tratta solo di un piccolo incidente che fa riflettere sulla pericolosità della vita sulla Stazione Spaziale. Al contrario di quanto si possa pensare, la cupola non è il modulo più delicato e vulnerabile della ISS: costruita in Italia da Thales Alenia Space è dotata di sei finestrini trapezoidali sui lati e di un finestrino circolare da 80 cm di diametro sulla sommità. Il telaio (1.6 tonnellate, 3 metri di diametro e 1.5 metri di altezza) è costituito da un singolo pezzo di alluminio. Ciascun pannello è dotato di una copertura mobile che protegge dagli urti di detriti spaziali e dalle radiazioni solari. I finestrini sono realizzati con vetro al quarzo borosilicato di alta qualità e sono composti da una lastra di vetro al quarzo a tenuta d’aria spessa 2,5 cm, seguita da un’altra uguale e da due pannelli antigraffio (uno esterno e uno interno). I pannelli hanno una vita operativa di dieci anni, e sia l’intero finestrino che i singoli componenti sono sostituibili.

Il danno del mese scorso è poco rilevante e localizzato sulla lastra di vetro antigraffio più esterna: ecco perché al momento non si prevede di sostituire il pannello danneggiato.