Medicina: si guarda al futuro con la genomica computazionale

MeteoWeb

GeCo punta a sviluppare e consolidare un nuovo approccio alla medicina integrando l’analisi di “big data” derivanti dal sequenziamento del genoma per trovare una risposta più precisa ed efficace. Il progetto sarà portato avanti dal prof. Stefano Ceri del Politecnico di Milano grazie al secondo Advanced Grant ERC ottenuto dal ricercatore di informatica. La genomica computazionale è la scienza che decifra la funzione delle regioni del genoma e costituisce il presupposto per le future scoperte nel campo della biologia e della medicina.

Le tecniche di sequenziamento consentono la produzione dell’intera sequenza del genoma umano a costi molto bassi. Sono così stati sviluppati degli algoritmi specializzati per estrarre caratteristiche salienti del genoma. La lacuna da colmare rimane però l’ideazione di un sistema, in grado di integrare i dati genomici estratti da questi algoritmi. L’equipe del progetto GeCo – spiega il Politecnico di Milano – partendo da un modello di dati astratto che garantisce interoperabilità fra i vari formati potenzialmente utilizzabili, ha già sviluppato un sistema per interrogare dati genomici scaricati da grandi banche dati prodotte da Consorzi internazionali. Durante il progetto, il sistema sarà arricchito di strumenti per l’analisi dei dati e verrà reso sempre più efficiente. Tra gli obiettivi del progetto vi è anche la costruzione di un open source a disposizione dei ricercatori biologici e clinici.

I servizi useranno dati pubblici per l’installazione protetta del sistema in un contesto clinico che potrà essere utilizzata per la “medicina personalizzata“. L’obiettivo più ambizioso del progetto è la realizzazione di un “Internet per la genomica“, cioè di un modo di raccogliere dati genomici pubblicati da consorzi internazionali e dai ricercatori, e di un “Google per la genomica“, cioè un sistema di indicizzazione e ricerca su grandi raccolte di dati genomici pubblici.