Previsioni Meteo, assaggio d’estate fino a sabato: da domenica arrivano i temporali

MeteoWeb

In questi giorni stiamo vivendo un assaggio d’estate a causa del progressivo rigonfiamento dell’Anticiclone Nordafricano verso il Mediterraneo con conseguente crescita delle temperature in un contesto di stabilità atmosferica. Questa breve ondata di caldo avrà il suo apice tra venerdì e sabato quando i 30 gradi saranno alla portata in tutto il territorio, ma con picchi vicini ai 35 gradi al Sud e sulle Isole maggiori; in Sardegna e Sicilia localmente si potrà anche superare questa soglia. “Il clima – affermano i meteorologi del Centro Epson Meteo sarà a tratti anche afoso. Domenica l’alta pressione, e l’aria calda che l’accompagna, si ritirerà verso sud sotto la spinta di una intensa perturbazione atlantica che porterà temporali localmente forti al Nord con un parziale coinvolgimento del Centro. Terminerà così questa fase di stampo pienamente estivo al Centronord e un vortice di bassa pressione posizionato sull’Europa centrale influenzerà il tempo per buona parte della prossima settimana portando variabilità e instabilità, con un ridimensionamento delle temperature anche al Sud“.

Milano sole e caldo 12 gennaio 2016 (3)Venerdì prevalenza di tempo soleggiato in tutto il Paese, salvo il transito di leggere e sottili velature e il temporaneo sviluppo di cumuli sui rilievi, specie quelli alpini dove non si escludono locali piovaschi durante il pomeriggio: fenomeni più probabili sulle Alpi occidentali del Piemonte e nell’area dolomitica. Temperature in generale aumento più sensibile sulle Isole maggiori si potrebbero già oggi sfiorare 35 gradi complici i venti di Scirocco, 25-30°C. Scirocco in intensificazione tra canale di Sicilia e Tirreno occidentale. Sabato tempo nel complesso stabile e generalmente soleggiato: da segnalare il passaggio di nubi ad alta quota che veleranno il cielo sin dal mattino su isole maggiori ed estremo Sud in risalita poi sulle regioni peninsulari. Maggiore nuvolosità interesserà le zone alpine e prealpine e nel pomeriggio non si escludono brevi piovaschi nel settore alpino con tendenza poi in serata ad accentuazione del rischio di rovesci e locali temporali tra Valle D’Aosta e Piemonte; nel corso della notte tra sabato e domenica tendenza a generale peggioramento in gran parte del Nordovest. Sabato temperature in ulteriore in generale aumento con valori che facilmente oltrepasseranno i 30 gradi in particolare al Centrosud con picchi prossimi a 34-35°C all’estremo Sud e Isole. Saranno piuttosto calde anche le prossime due notti soprattutto al Sud con minime anche superiori ai 20°C. Domenica si conferma il peggioramento per l’arrivo di una intensa perturbazione atlantica. Sarà una giornata all’insegna del maltempo al Nord con piogge, rovesci e temporali inizialmente più probabili e diffusi nelle regioni di Nordovest in estensione al Nordest nel corso della mattinata con fenomeni di forte intensità: non si escludono delle locali grandinate. Attenzione: i fenomeni più insistenti e abbondanti si potranno concentrare su alto Piemonte, alta Lombardia, Trentino alto Adige, nord del Veneto e Friuli. Sulle regioni centrali l’instabilità si accentuerà sin dal mattino sulla Toscana dove saranno possibili rovesci e temporali; temporali più isolati tra Umbria, Appennino centrale e Marche. Nel resto del Centro, al Sud e sulle Isole nuvolosità variabile alternata a schiarite più ampie dalla seconda parte della giornata sulle due Isole maggiori. Temperature in sensibile calo al Nord, sulla Toscana e in Sardegna: valori in diminuzione anche nelle restanti regioni centrali seppure in maniera più lieve. Il calo termico al Nordovest potrebbe essere anche nell’ordine di 10°C. Valori stazionari o in lieve aumento su basso Adriatico e settori ionici dove potremmo ancora sfiorare i 34-35 gradi. Terminerà così questa fase di stampo pienamente estivo al Centronord e un vortice di bassa pressione posizionato sull’Europa centrale influenzerà il tempo per buona parte della prossima settimana portando variabilità e instabilità, con un ridimensionamento delle temperature anche al Sud.