Allerta Meteo, forte maltempo al Sud: Calabria e Sicilia le Regioni più colpite tra stasera e domani

MeteoWeb

Il grosso del maltempo ora si sta spostando verso le nostre regioni più meridionali, in particolare all’estremo sud e sui settori del basso Tirreno, dove nel corso delle prossime ore assisteremo allo sviluppo di temporali anche piuttosto intensi. Tutta colpa del “CUT-OFF”, attualmente posizionato a ridosso della Sicilia, in fase di allontanamento verso lo Ionio. Questa struttura ciclonica, colma di aria fredda polare marittima, si associa ad una serie di nuclei di vorticità positiva, supportati dalla componente meridiana del “getto polare”, la quale nel corso della giornata di domani determinerà lo sviluppo di intensi moti convettivi, e quindi di temporali, che sorgeranno soprattutto fra il basso Tirreno, il Canale di Sicilia e pure sullo Ionio.

piogge domani mattinaI temporali più intensi, accompagnati da attività elettrica e fenomeni grandinigeni, già dalla mattinata di domani dovrebbero interessare le coste della Calabria tirrenica e della Sicilia settentrionale, dove i rovesci e i temporali potrebbero divenire a tratti localmente di moderata e forte intensità, accompagnandosi a colpi di vento e a intense fulminazioni.

La zona più colpita sarà quella tra il reggino e il messinese tirrenico, nel settore settentrionale dello Stretto di Messina, dove si potranno registrare accumuli pluviometrici anche abbondanti.

venti domani mattina ore 08Questa fase di maltempo, dalle caratteristiche tardo autunnali, persisterà fino alla giornata di mercoledì, quando l’erezione verso l’Islanda dell’anticiclone delle Azzorre favorirà la discesa di una nuova avvezione di aria fredda polare marittima, dalle alte latitudini dell’Atlantico settentrionale, che farà il suo ingresso sul bacino del Mediterraneo centrale tramite la porta di Carcassonne e la valle del Rodano, tramite l’inserimenti di intensi e freddi venti di “mistral” che raggiungeranno dapprima la Sardegna, per poi propagarsi al basso Tirreno, alla Sicilia e al Canale di Sicilia.

Questo nuovo ingresso di aria fredda polare marittima determinerà un ulteriore incremento del “gradiente termico verticale”, generando fenomeni di convezione, anche piuttosto marcati, soprattutto sulla Sicilia settentrionale, oltre che sull’estremo sud peninsulare, dove si verificheranno dei rovesci e dei fenomeni temporaleschi accompagnati da forti colpi di vento, grandine e nevicate sulle cime più elevate dell’Appennino meridionale e dei rilievi di Sardegna e Sicilia. Per monitorare la situazione in tempo reale ecco le pagine relative al nowcasting: