Ttip leaks: gli Usa esercitano una pressione sull’Ue per abbassare le tutele

MeteoWeb

Gli Stati Uniti stanno esercitando una pressione sull’Unione Europea perchè abbassi le sue tutele. E’ la tesi di Greenpeace per l’Unione Europea, che è entrata in possesso di molti documenti riservati. La fuga di notizie ha riattivato lo scontro sul Trattato di libero scambio tra Stati Uniti ed Unione Europea. Il Movimento 5 stelle ha richiesto la sospensione immediata della trattativa. “Le carte dimostrano che la posizione americana e’ pessima – attacca Jorgo Riss, direttore di Greenpeace per l’Unione europea – ma anche che quella europea e’ cattiva. Per cui dobbiamo evitare che si arrivi a un compromesso che spiani la strada a una gara al ribasso negli standard ambientali, della salute e della tutela dei consumatori“.

Su twitter l’organizzazione ambientalista lancia l’hashtag ?#?ttipleak?. “I sospetti di milioni di persone erano fondati“. Secondo Malmstrom, sono state pubblicate le richieste americane, che non sono ne’ “risultati finali“, ne’ “base di nessun accordo“. “E’ normale – aggiunge – che tutte le parti di una trattativa vogliono raggiungere il numero maggiore possibile di propri obiettivi“, ma “cio’ non significa che c’incontreremo a meta’ strada“. Anzi, conclude che “ci sono zone che registrano distanze eccessive su cui non c’e’ accordo“. Sulla stessa linea il portavoce delle politiche commerciali del gruppo socialista e democratico al Parlamento europeo, David Martin: “Non accetteremo un trattato qualsiasi che includesse un abbassamento degli standard su ambiente e diritti. Tuttavia – precisa Martin – sia chiaro che dai documenti riservati diffusi oggi, che elencano le posizioni delle due parti, non c’e’ nulla che indichi che l’Europa abbia ceduto ad alcuna delle richieste americane“.